venerdì 16 febbraio 2018

Ciceri e tria

Un primo piatto della tradizione pugliese; per l'esattezza salentino. Un piatto particolare, per la cottura della pasta che viene in parte fritta; questo il motivo per cui viene identificata con il termine tria, che nel Salento significa fritta, appunto. Un piatto povero, ma sostanzioso, dove l'ingrediente principe sono i ceci. Era conosciuto anche come "massa di S. Giuseppe" perché in tempi passati veniva servito ai poveri, il giorno di S. Giuseppe. In certi paesi del Salento questa usanza si è mantenuta a tutt'oggi.


domenica 11 febbraio 2018

Lagane e ceci... Per Quanti modi di fare e rifare

Lagane e ceci, un primo piatto antico e molto diffuso in quasi tutto il meridione. Lo si può mangiare in Campania, nel Cilento, in Calabria, ma soprattutto in Basilicata. Si narra che questo piatto fosse amato dai briganti che si aggiravano per i boschi del Vulture in Lucania e che fossero soprannominati "scolalagane" per la loro grande passione e ingordigia per questa pasta.
 Con la cuochina, Anna e Ornella  siamo approdate in Basilicata per riprodurre questo delizioso piatto tradizionale. La lagane, in realtà, sono delle tagliatelle larghe (quasi pappardelle) fatte con un impasto di acqua e farina. Come tutte le ricette regionali, ogni paese o, addirittura ogni famiglia, ha la propria versione. C'è chi mette il pomodoro e chi no; chi i peperoni cruschi e chi li omette. Per non farmi mancare nulla li ho inseriti nella ricetta entrambi. Per onor di cronaca, confesso di aver comprato le lagane pronte.


lunedì 5 febbraio 2018

Vellutata di zucca con fagioli cannellini

 Lo so, la stagione della zucca è quasi finita ma, siccome a me e ai miei famigliari piace molto ed essendo una"ragazza" molto previdente, la congelo. Posso anche preparare una vellutata per poi metterla nei contenitori e...via in congelatore!. Quando la tolgo e la devo servire, qualche volta, la modifico. Posso preparare un risotto, una minestra oppure essere utilizzata per altre preparazioni. Questa è una vellutata con i fagioli cannellini. Spesso la faccio con i ceci.


lunedì 29 gennaio 2018

Plumcake con confettura di pere




La confettura di pere è la più ambita dai miei figli pur non disdegnando altre tipologie di frutta (l'importante che sia fatta da mamma). Quest'anno, poi, ne ho fatta in quantità esagerate e con diverse tipologie di pere. Questa, nello specifico, è di pere abate. Dunque, dicevo di averne fatta in grosse quantità e perciò ho pensato di inserirla anche nell'impasto del plumcake. L'idea l'ho avuta quando sono stata contattata per il progetto Fruit 24. Questo progetto che coinvolge molte/i foodblogger, è stato promosso da APO Conerpo, un'associazione di prodotti ortofrutticoli e cofinanziato dall'Unione Europea e dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Un progetto che vuole informare il consumatore dell'importanza di inserire la frutta e verdura in diversi momenti della giornata e in modo piacevole. Difatti i menù di Fruit 24 sono fatti per suggerire ricette per le diverse fasce orarie e per stagionalità dei prodotti.


martedì 23 gennaio 2018

Cavatelli con funghi porcini

Ad essere sinceri questo impasto era destinato ad una ricetta di orecchiette. Ammetto, non senza un minimo di vergogna, che non ce l'ho fatta. Non mi perdo d'animo...ritenterò. Butto via l'impasto? Giammai e allora vai con i cavatelli. Dopotutto sono facili da fare. Ho messo tutta semola ma, per velocizzare la cottura, si possono fare con metà farina debole. Naturalmente in questa stagione si usano i funghi congelati.
Questa ricetta e molte altre (non solo le mie) le trovate anche Qui


domenica 14 gennaio 2018

Gnocchi alla romana... Per quanti modi di fare e rifare



Quest'anno la cuochina, assieme ad Anna e Ornella con noi blogger (e non), hanno deciso di rivisitare ogni mese un primo piatto della variegata cucina italiana. Come non iniziare con la nostra amata Capitale?
Onoriamo la sua cucina con gli gnocchi di semolino; piatto tipicamente laziale. Un piatto che definirei eclettico in quanto si presta a diversi condimenti, ma il più classico viene preparato con burro e parmigiano dopo essere stati impastati con semolino, tuorli e parmigiano. Questo non è certamente un piatto light ma sicuramente saporito e sfizioso.
Si racconta che questo piatto, nelle osterie romane, veniva servito il giovedì (forse anche ora?) per il detto: "giovedì gnocchi, venerdì baccalà e sabato trippa"; si pensava appunto di restare leggeri il giovedì per prepararsi ai giorni successivi con piatti ritenuti, ingiustamente, più pesanti e ritenendo il semolino un ingrediente da ospedale.


martedì 9 gennaio 2018

Cucinare per Piacere, per Mestiere


Il primo post dell'anno lo voglio dedicare a questo grande evento-manifestazione, che si terrà nella mia Regione. Esattamente a Pordenone. CUCINARE si conferma l'evento fieristico gastronomico del Nord Est per antonomasia.



Questi sono i primi nomi della STARS COOKING ARENA di Cucinare 2018!
Chef stellati italiani, importanti ospiti stranieri, le eccellenze del territorio saranno protagonisti di un ricco calendario di incontri e Show Cooking con la guida del direttore artistico Fabrizio Nonis.
Inoltre anche quest’anno ci sarà l’area VINUM, con 20 produttori provenienti da diverse regioni italiane, tra i quali Canus, Villa Crine, Colmello di Grotta. Confermata anche l’area delle birre artigianali Beer&Co.
Vi darò ulteriori informazioni nei prossimi giorni. Vi parlerò dei nuovi chef che saranno con noi all'attesissimo evento.