sabato 7 maggio 2011

Quanti modi di fare e rifare......

...... timballo di anelletti alla palermitana di Andrea Matranga


(Cliccando sul banner arriverete alle ricette precedenti)
Eccomi qui al mio secondo appuntamento di fare e rifare, una idea per condividere una ricetta ogni mese diversa, proposta dalle tre ideatrici : Ornella, Anna e Tamara a cui continuano ad aggiungersi mese dopo mese altre nuove amiche. Avevo quasi deciso di non partecipare per la difficoltà a reperire il formato di pasta, ma in estremis ce l'ho fatta, perchè Libera (che ne sa una più del diavolo) mi ha indicato il negozio dove l'avrei potuta trovare. Oltretutto è una pasta fatta con il grano prodotto sui terreni sequestrati alla mafia. Avevo già fatto diverse volte questo timballo, sempre modificando la ricetta per svariati motivi. L'ultimo, l'avevo fatto vegetariano, ma questa volta ho voluto seguire la ricetta originale, friggendo le melanzane; in ogni caso ho cambiato qualcosa (non riesco ad essere diligente!...;-)...) anche diminuendo le quantità!! Solitamente, quando le preparazioni richiedono la frittura, io, griglio, ma questa volta...ho fritto!...tiè! Passo alla ricetta di Andrea, mettendo le mie modifiche tra parentesi e in rosso.

Ingredienti x 6 persone
5oo gr. di anelletti (300)
4 melanzane nere (2 grosse)
1,5 lt di salsa bolognese con piselli (400 gr.)
500 gr. di besciamella(180 gr.)
200 gr. di prosciutto cotto (omesso)
600 gr. di mozzarella (caciocavallo200 gr)
4 uova sode versione catanese (omesse)
Pangrattato q.b.
Pecorino grattugiato q.b (montasio stagionato 50 gr.)
Olio x friggere (io arachidi)
Procedimento:
Mettete le melanzane tagliate per il verso lungo in un colapasta, spolverate di sale grosso, metteteci sopra un piatto e un peso lasciandole così per qualche ora, affinchè perdano l'acqua amara (premetto che le ho sbucciate, ma dovrebbero essere lasciate con la buccia). Asciugatele e friggete in olio alto. Se le friggete la sera prima, potete eseguire il procedimento sopracitato; in questo modo, perderete l'olio in eccesso. Cuocete la pasta lasciandola molto al dente. Scolate, condite con il ragù e il pecorino. Oliate e spolverizzate di pangrattato uno stampo (il mio era di 24cm di diametro). Foderatelo con le melanzane, mettete metà pasta, il caciocavallo o mozzarella e coprite con il resto della pasta. Infornate in forno preriscaldato per circa 20 minuti a 180°.

  Forse non sarà il posto adatto, ma Libera e io volevamo ricordare questa giornata triste per il Friuli. E' l'anniversario del terrremoto, sono trascorsi 35 anni da quella sera ed anche se oggi nel paesaggio si intravedono soltanto poche cicatrici, nelle persone che quella sera, oltre alla casa hanno perso i propri cari la ferita è ancora aperta..... il nostro pensiero va a loro....


32 commenti:

  1. Grande Solema, in questo caso non c'era scampo..bisognava friggere..e così è stato, buona giornata :-)

    RispondiElimina
  2. Quanno ce vo' ce vo'...e frittura sia! Mi è sempre stato simpaticissimo quel formato di pasta, peccato si trovi poco in giro.
    Mi unisco a te nel pensiero per il Friuli, un abbraccio e buon we

    RispondiElimina
  3. Cara la mia Solema, hai preparato un piatto da urlo...e poi il fritto...ogni tanto ci vuole, non ci sono santi!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. Grazie Solema, tu sì che sei stata diligente ed hai fritto, io non me la sono sentita, prima di tutto la salute.
    E' bellissimo anche il tuo come quello di Libera, adesso vado a vedere quello di Ornella e di Tamara.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. questo piatto te lo rubo è splendido e goloso!!! e grazie per averci ricordato il terremoto, come dicevo a Libera queste cose non bisogna dimenticarle, anche se per tante persone sono ancora causa di dolore... baci

    RispondiElimina
  6. ricordo bene quel giorno Solema!!!...io non potrò mai dimenticarlo,quei giorni nel mio ultimo anno di liceo dedicammo quasi tutto il nostro tempo a parlare del catastrofico evento e della morfologia del nostro paese....non dimenticherò quel giorno ....un bacio

    RispondiElimina
  7. scusami cara!! presa dell'emozione del ricordo non mi sono soffermata su questa ricetta che mi ha sempre incuriosita proprio per il formato di pasta difficile da reperire....ribaci

    RispondiElimina
  8. Meraviglioso Solema, anch'io le ho fritte, per una volta male non fa vero? E' una meraviglia, complimenti! Io ho messo pure le uova perché qui a casa mia è "obbligatorio" farlo così ;) Perciò ne ho fatto tanto..prova ad immaginare quante calorie ci siamo mangiati! Un grande abbraccio a te e a tutto il Friuli. Ce l'ho sempre nel cuore e mai dimenticherò quelle scosse di terremoto che mi hanno svegliato a km di distanza! Baci buon fine settimana e grazie!

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia !!! io lo faccio diversamente ma adoro anche questa versione. Amo anche il Friuli che raggiungerò fra un paio di settimane ! Un bacione, Ale

    RispondiElimina
  10. Solema, ho preso una tua fota da inserire nel mio post.
    Un abbraccio a tutto il Friuli.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  11. La salute certamente ma non si possono non friggere, il sapore è tutto lì, nel fritto, anche io griglio spesso, ma per questo piatto non potevo non friggere...hai sentito quanto è buono? buona giornata, ho preso la foto

    RispondiElimina
  12. super saporito e gustoso...una fetta...!

    RispondiElimina
  13. L'ho fatto un paio di volte ed è davvero un piatto prelibato...sei stata bravissima nel farlo...chissà i profumi che si sprigionavano nell'all'aria incominciando dalle melanzane. buon we, ciao

    RispondiElimina
  14. Solema cara, ho preso foto e link per inserire nel mio post,Baci

    RispondiElimina
  15. Ricordo anch'io quel terribile giorno che ha colpito questa gente meravigliosa,sempre pronta a ricominciare senza nulla chiedere....
    Quella notte anche il lampadario della mia casa di Milano ha oscillato per alcuni secondi.
    Prendo il link.
    Buonissimo questo timballo, da provare.
    baci e buon we

    RispondiElimina
  16. una meraviglia,questo piatto ,Solema^;^ un tripudio di bonta',cara!!!!bravissima;0))
    ricordo anch'io con voi,gli amici friulani...bacioni e buon weekend!!

    RispondiElimina
  17. Gustosa e bella, complimenti ciao

    RispondiElimina
  18. oooh anche tu!!! è da stamattina che mi state facendo venire una vogli di questo piatto... arghhh!!!
    bravissima anche tu.
    bacioni, buon week end

    RispondiElimina
  19. Una ricetta invitantissima!!! Complimenti cara, un bacione e buon we

    RispondiElimina
  20. sto facendo il tour per vedere tutte le colleghe di anelletti, che bello solema, tutti i passaggi ben dettagliati, grande!
    un abbraccio al friuli!

    RispondiElimina
  21. Non posso che essere felice della scelta di questa ricetta! ;)
    P.s. Mi associo al ricordo per il Friuli e per tutte le popolazioni colpite da questa tragedia!

    RispondiElimina
  22. Io invece ,questa pasta non sono riuscita a trovarla e ho dovuto rinunciare!!Ma non demordo,questo timballo va preparato e tu l'hai eseguito egregiamente!!
    Un bacio cara e buona domenica!!

    RispondiElimina
  23. Solema scusa ma ti ho scritto nel tuo profilo su fb e siccome non mi hai risposto ti scrivo anche qui, volevo dirti che ho creato su fb la pagina di "Quanti modi di afre e rifare" se vuoi andare a vederla e magari cliccare su mi piace sarebbe carino...grazie

    RispondiElimina
  24. Anch'io cerco di evitare le fritture, ma quando cedo è un tripudio :D

    RispondiElimina
  25. buonissimo davvero.... peccato che qui non si trovano gli anelletti altrimenti l'avrei fatto per domani. un bacione.

    RispondiElimina
  26. Una bontà :9 Io adoro le melanzane!
    Ti auguro una buona domenica, una buona festa della mamma e se passi dal mio blog c'è anche un premio ad aspettarti...

    http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.com/

    RispondiElimina
  27. complimenti, hai fatto un timballo davvero delizioso! annoto volentieri! se ti va sei benvenuta nella mia cucina! un bacio! :)

    RispondiElimina
  28. Ciao, ammettiamo di non amare molto i timballi, ma questa versione con le melanzane è davvero molto invitante.
    Un piatto unico ricchissimo, gustoso e a cui proprio non diremmo di no.
    baci baci

    RispondiElimina
  29. sbavo sbavo sbavo... io lo devo avere, io lo devo provare !!! delisioso buonissimo adorabiiiile !!!

    RispondiElimina
  30. Questa sarà la prossima pasta al forno che farò!
    troppo buona! (ma forse non avrò il coraggio di friggere le melanzane eheheheh)

    RispondiElimina
  31. Sole questo sformato è CLA MO RO SO, da provare immediatamente!!!!! :)

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.