martedì 29 giugno 2010

Paccheri con pesce spada e melanzane


 Sistemando le ricette cartacee (ne ho un'infinità), ho trovato in un contenitore (tipo portadocumenti), molte ricette prelevate dai siti di cucina che frequentavo prima di aprire il blog. Le avevo già fatte tutte, ma poi ho inziato a frequentare i blog e mi sono dimenticata di queste. Siccome sono delle ottime ricette, le rifarò; tra l'altro sono quasi tutte estive!!! Questa è una delle tante prelevate dal sito panperfocaccia postata da Rossella. Ho modificato il procedimento secondo le mie esigenze! Nelle pietanze metto pochissimo olio dato che i "miei" preferiscono metterlo a crudo.


giovedì 24 giugno 2010

Peperoni "ammollicati"


Una ricettina veloce e anche questa voleva essere estiva (ma quando arriva l'estate?) Questi peperoni ricoperti di panure sono a dir poco deliziosi.
Ingredienti:
4 peperoni
Sale grosso q.b
Olio evo 1 cucchiaio
2 fette di pane (tipo da toast)
2 alici sott'olio o un cucchiaino di pasta d'acciughe
1 spicchio d'aglio
Capperi sott'olio a piacere*
Qui le falde grandi
Qui pronti per la teglia
Procedimento:
Lavate e tagliate a grosse falde i peperoni, metteteli in una padella antiaderente con 1 cucchiaio, o 2, d'olio e cospargeteli con qualche grano di sale grosso. Coprite con un coperchio e metteteli su un fuoco medio. Lasciateli per circa 5 minuti, controllando che non si brucino ( il sale grosso serve a far uscire la loro acqua), spegnete il fuoco e lasciate intiepidire. A questo punto la pelle dovrebbe venire via con facilità. Pelateli e tagliateli a pezzi più piccoli. Trasferiteli in una teglia da forno e, nella padella con il liquido dei peperoni fate sciogliere le acciughe e rosolate anche l'aglio, che poi toglierete; aggiungete i capperi e trasferite questo preparato in una boule, così che nella stessa padella, con un cucchiaio d'olio, tosterete le fette di pane tritate grossolanamente. Quando saranno ben tostate aggiungete anche gli altri ingredienti e poi trasferite il tutto sopra i peperoni. Mettete la teglia sotto il grill per circa 5 minuti o finchè si è formata una crosticina dorata.
*I miei erano dissalati e messi sott'olio da me.


domenica 20 giugno 2010

Filetto di maiale al pepe rosa




Una ricettina veloce e (voleva essere) estiva, ma l'estate, qui nel nord-est, si fa attendere. Come dicevo: veloce, economica (dato che la carne di maiale costa poco) e molto gustosa!! Le quantità variano secondo: a)la larghezza delle bocche, b) quello che si è mangiato prima c) quello che si mangerà poi!. Noi eravamo in 4, abbiamo mangiato la pasta fredda, il filetto e il gelato! Avevo 600 gr. di filetto e mi sono avanzate 2 fettine!
 
Ingredienti:
Filetto di maiale o di bovino
Latte q.b
1 cucchiaio di panna fresca (io ho messo yogurt bianco cremoso)
Timo fresco
Maggiorana fresca
Sale
Pepe rosa fresco in salamoia
Olio evo
Procedimento:
Tagliate a fette piuttosto grosse (circa 3 cm) la carne e fatele rosolare da ambo le parti in una padella antiaderente con qualche cucchiaiata d'olio evo, a questo punto coprite di latte. A cottura quasi ultimata mettete timo e maggiorana freschi, tritati in quantità generosa. Se non si hanno a disposizione erbe aromatiche fresche si possono tranquillamente adoperare quelle secche. Fortunatamente, ho un giardino grande come un francobollo, ma ho fatto una aiuola con erbe aromatiche. Ritorniamo alla ricetta. Dopo aver messo le erbe aromatiche, aggiungete il pepe rosa sgocciolato dall'acqua di conservazione, il cucchiaio di panna o yogurt e finite la cottura.
Attenzione al pepe rosa, sembra innocuo, invece è piccantuccio...;-)
 

Pepe rosa Timo

Maggiorana


mercoledì 16 giugno 2010

Crostata sbriciolata alla "Mirko"


Chi ha rosicchiato la fetta? Chi lo sa?
Oggi pomeriggio, Mirko (mio nipote), ha fatto questo dolce. Mirko ha 12 anni e per questo abbiamo cambiato il procedimento semplificandolo. Il risultato è stato soddisfacente. Si è portato a casa il suo dolce, felice di averlo fatto "tutto solo".
Mettiamo subito la ricetta.
Ingredienti x la base:
300 g di farina 00
150 g di zucchero*
1 uovo
100 g di burro
1 bustina di lievito per dolci
Ingredienti x il ripieno:
200 g di ricotta
200 g di amaretti
100 g di zucchero
1 uovo
100 g di latte (1 bicchiere)

Vado bene nonna, posso continuare? Si Amore



Ops! mentre la nonna controlla il forno, ho messo in bocca qualcosa!
Procedimento:
Preparate la base lavorando tutti gli ingredienti, tenuti per qualche ora a temperatura ambiente, fino a formare delle "briciolone". A questo punto preparate il ripieno, sbriciolate gli amaretti (l'abbiamo fatto con il mixer), aggiungete gli altri ingredienti e mescolate per bene. Dividete l'impasto in 2 parti e rivestite una tortiera di cm 26 o 28, dopo averla imburrata e infarinata o rivestita di carta forno (Mirko ha optato per la prima soluzione). Sopra metà impasto, mettete il ripieno (che sarà piuttosto liquido) e aggiungete l'altra metà. Mettete in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti.

A torta conclusa, dopo tanto lavoro la felicità!!!
* Nello zucchero avevamo messo una punta di cucchiaino di vaniglia bourbon in polvere..
La prossima volta, metteremo nell'impasto 100 gr. di zucchero.
Con questo dolce desideriamo aderire all'iniziativa di Albertone!



Questo è Mirko oggi maggio 2016


martedì 15 giugno 2010

Premi

Mi scuso tantissimo per il ritardo con cui posto questi premi. Li accetto sempre tanto volentieri, è bello sapere che qualcuno pensa a me!!!! Naturalmente li dono a tutti gli amici che passano di qua!!! Mi farebbe davvero piacere che qualcuno li facesse suoi!!!

Questo l'ho ricevuto da Annamaria

Armanda mi ha donato questo.

Ho ricevuto questo premio fiorito da Giulia




Questi li ho presi da Max

Questo me l'ha donato Federica
Paola, Armanda e Luisa
      



sabato 12 giugno 2010

Finalmente macaron


Innanzitutto, una premessa, questa è la prima volta che mi affaccio nel mondo dei macarons; perciò hanno qualche imperfezione, ma volevo postarli ugualmente. Li ho fatti di un solo colore (questa sarà la prima di una lunga serie di macarons). Ho girato a lungo per il web e alla fine ho deciso per una delle ricette di Mercotte, la più semplice, quella senza la meringa all' italiana (come prima prova mi sembrava più logica questa scelta). La ricetta l'ho trovata Qui che lei a sua volta l'ha trovata da Sigrid, non voglio competere con la loro perfezione. I miei hanno i "pirulini", i loro sono "liscissimi". Anche per ciò che riguarda il ripieno, ho scelto il più semplice.
Comunque veniamo alla ricetta.


mercoledì 9 giugno 2010

La pizza di Bonci

Questa è la terza volta che faccio la pizza di Gabriele Bonci, (ammesso che lui la faccia proprio così) e comunque viene mangiata sempre troppo in fretta. Questa volta ho dato l'out, fermi tutti, devo fotografarla!!

 
Ingredienti x 2 teglie di cm. 42 x 37 (premetto che la faccio sottile e croccante)
400 gr. di farina 0
300 gr. di farina 1 (450-480 di forza)
560 di acqua
3 gr. di lievito secco
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai d'olio
1 cucchiaio di miele (una aggiunta mia)
Procedimento:
Mescolate le farine con metà circa dell'acqua, aggiungete il lievito con il miele, mettete tutta l'acqua e mescolate con un cucchiaio di legno, perchè l'impasto è molto morbido. Coprite la ciotola e lasciatelo riposare per 10 minuti ( il mio ha riposato ½ ora).
Questo è l'impasto appena fatto. Questo invece dopo un riposo di ½ ora. Trasferitelo sulla spianatoia infarinata abbondantemente con la semola rimacinata di grano duro.
Ora iniziano i giri. Si prendono i lembi e si portano al centro, poi si gira l'impasto e si ripete fino a che diventa lavorabile. Siccome non è facile lavorare e fotografare i passaggi per benino, metto il link del video .
Dopo aver fatto per 5 volte i giri l'impasto è diventato come nella prima foto. Coprite con una pellicola ( io adopero un sacchetto per sotto vuoto aperto), uno strofinaccio e mettete in frigo a circa 6°. A questo punto, Bonci dice di lasciarlo 24 ore, ma essendoci una quantità ragguardevole di lievito, secondo me 24 ore sono troppe. Io ho fatto così: ho impastato verso le 8 di mattina, l'ho messo nel frigo verso le 9 e l'ho tolto alle 18 ed era come la seconda foto.
Ho spostato l'impasto sulla spianatoia sempre molto infarinata, ho diviso a metà e ho iniziato a tirarlo con le mani (anche questo lo vedete nel video) Ho acceso il forno e portato alla temperatura di 250 °. Ho fatto una prima cottura per circa 15 minuti solo con il pomodoro. Ho messo la teglia nel secondo ripiano verso il basso. Questa operazione consente di preparare più teglie. Quando si vuole cuocere le pizze si farciscono con gli ingredienti prescelti e si finisce la cottura, sempre con il forno presriscaldato a 250° ma nel quarto ripiano alto. Le mie pizze erano farcite con mozzarella, zucchine, salamino piccante e grana in cottura, mozzarella, zucchine, prosciutto cotto e grana in cottura. La seconda teglia era farcita con pochissima mozzarella, prosciutto cotto, carciofi sott'olio
 (home made) e burrata in superficie!.

 
 








Bon appettit!!!!




Prosit!!!!!!!!