giovedì 18 febbraio 2010

Baccalà in umido



Il giorno delle ceneri, da noi (in friuli), ma forse anche nelle altre regioni, è usanza mangiare aringa e baccalà. Baccalà, impropriamente chiamato così, perchè questo sarebbe lo stoccafisso; il baccalà, sarebbe quello conservato sotto sale...comunque sempre merluzzo è. Lo stoccafisso, il nome stesso lo dice, viene conservato facendolo seccare, poi viene messo a bagno per 3 0 4 giorni, cambiando l'acqua spesso. Addirittura, dovrebbe stare sotto l'acqua corrente per i giorni prescritti. Non volendo sprecare acqua e visto che c'è chi la spreca per me, lo compro già "bagnato", (appunto l'hanno già sprecata loro). L'ho preparato in umido per la gioia di tutta la mia famiglia (ieri sono venuti tutti a pranzo, visto che da noi le scuole e gli uffici erano quasi tutti chiusi). La ricetta è molto più semplice e leggera di questa.
Ingredienti:
Baccalà bagnato (stoccafisso) **
1 spicchio d'aglio trattenuto da uno stecchino
Olio extravergine d'oliva q.b
2 foglie d'alloro
Concentrato di pomodoro q.b
Sale ***
Pasta d'acciughe (1 cucchiaino)
Fumetto fatto con le lische e gli scarti del baccalà.
Procedimento:
Pulite il baccalà, togliendo le lische , ma lasciando la pelle, mettete gli scarti in una pentola con acqua fredda e fate bollire, aggiungendo acqua all'occorenza (il liquido ottenuto, detto anche "acqua di servizio" vi servirà durante la preparazione). Mettete i pezzettoni di baccalà in una larga padella e aggiungete, a crudo, il concentrato di pomodoro (diluito in un pò d'acqua), la pasta d'acciughe, le foglie di alloro, un filo d'olio, l'aglio trattenuto da uno stecchino (alla fine è rimasto solo lo stecchino) e mettete sul fuoco non molto forte (deve sobbollire). Aggiugete gradatamente l'"acqua di servizio" (filtrata) dove stanno bollendo le lische e portate a cottura, ci vorranno 2 ore circa. Salate e, se il concentrato non basta ( il colore dev'essere rosato, non molto colorato), aggiungetene un altro pochino. Quando è quasi pronto e non serve più liquido scolate quello che resta dell'acqua dove ci sono le lische , che a questo punto si saranno divise dalla polpa che metterete assieme al baccalà!! Fate finire di cuocere e prima di spegnere il fuoco, aggiungete quanto olio serve per fare il sughetto, lasciate riposare prima di consumare (è più buono il giorno dopo). Si può servire con la polenta morbida o anche con la polenta abbrustolita!!!
 
* Avevo 2 Kg. abbondanti di baccalà, eravamo 8 ed è rimasto per altre 3 persone **Non è il baccalà salato ma quello dissecato e ammolato *** Al posto del sale, ho messo il preparato di aromi per il pesce


28 commenti:

  1. Adoro il baccalà cucinato in qualsiasi modo, quindi non posso fare altro che annotare la ricetta, deve essere buonissimo. Buona serata baci Manu.

    RispondiElimina
  2. Solema, la regina del baccalà!! Qui ne sappiamo qualcosa!! Bacioni carissima!

    RispondiElimina
  3. Sento l'aqcuolina in bocca se si parla di baccalà, pensa cara Solema la prossima settimana ci sarà la serata del baccalà dei trevisani nel
    mondo di Zurigo, io di sicuro non mancherò.
    Buona serata mia cara amica,
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Adoro il Baccalà, giusto sabato scorso ne ho mangiato uno favoloso, ma anche il tuo dev'essere buonissimo..
    Qui da noi però si cuoce nel latte..

    Brava!!

    RispondiElimina
  5. buonissimo il baccalà....lo adoro e tu lo hai cucinato benissimo...un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  6. Il baccalà lo mangerei anche tutti i giorni, non solo in quelli di vigilia. Cucinato così non l'ho mai assaggiato ma devv'essere buonissimo...annoto, annoto ^_^
    Baci cara, buona serata

    RispondiElimina
  7. Buono Solema...è il piatto preferito di mia madre!!!!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  8. Proprio come piace a me. Ciao, cara.

    RispondiElimina
  9. Si anche da noi si usa ma senza aringa...
    Ottima questa ricetta la proverò di sicuro...
    Ciao Solema come stai???
    Ti sei ripresa bene???
    Mi auguro proprio di si!!!
    Ti lascio una felice serata con un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  10. @Manuela, questa sera ho fatto la tua ricetta!! Buonissima.
    @Accanto al camino, ne ho 3 kg in congelatore, pensi che sia tuttoper me?
    @Tomaso, vorrei tanto esserci anch'io, i miei genitori erano veneti e mia madre di Ponte di piave.
    Ti auguro una felice serata.
    @Morana, difatti nella ricetta ho linkato il baccalà alla vicentina!
    @Unika, davvero questo è buono e non pesante.
    @federica, Pulcino,Marifra,Ines, Paola grazie, ragazze vale la pena provare.

    RispondiElimina
  11. Adoro il baccalà...in quqlsiasi modo...infatti nel mio blog ci sono alcune ricette...ottima la tua!!

    RispondiElimina
  12. Cara nonna sole, quanto mi piace il baccalà!
    E fa proprio venire l'acquolina!
    Grazie di essere passata a trovarmi: sei veramente gentilissima!
    Buonanotte e a presto!

    RispondiElimina
  13. a me il baccalà non piace ma lo cucino spesso per mio marito che ne va matto! lo faccio quasi come te, ma non ho mai pensato di fare il brodetto con gli scarti, grazie per l'idea!

    RispondiElimina
  14. Io adoro il baccalà... sarei venuta volentieri anche io a pranzo.. non ne è avanzato per tre???

    RispondiElimina
  15. ottima ricetta gustosa e saporita si presenta proprio bene!!bacioni imma

    RispondiElimina
  16. buonissimo!!! a dire il vero non ho mai provato a prepararlo!

    RispondiElimina
  17. Che buono Solema,adoro il baccalà,prossimamente posterò anch'io qualche ricettina,è un ottimo e sostanzioso pesce, mi copio la tua ricetta :P

    RispondiElimina
  18. Quasi-quasi lo provo. Non ho mai cucinato il baccalà - anche se lo mangio volentieri - mi sembra difficile.
    mi segno questa ricetta

    RispondiElimina
  19. Una ricette squisita per un pesce meraviglioso.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  20. Ciao
    purtroppo non mi piace il pesce ma ho visto che nel tuo blog ci sono un sacco di ricette che fanno venire l'acquolina in bocca
    tornerò per prendere spunto
    Passami a trovare ... ma io di cucina mi occupo solo per esigenze familiari.
    Se passi lasciami un cenno-
    CRIS

    RispondiElimina
  21. dimeticavo di dirti che alla fiera Creattiva c'era uno stand dei Cuochi di Bergamo, purtroppo non mi sono soffermata ... magari c'era qualcosa di interessante
    la prossima volta vedrò meglio
    Ciao ancora Cris

    RispondiElimina
  22. Buonissimo...una ricetta facile per la quaresima ma posso farlo con quello salato dopo nautralmente la dissalatura? buona settimna Luisa

    RispondiElimina
  23. @Luisa, si lo puoi fare tranquillamente.

    RispondiElimina
  24. che bella ricettina interessante, e che ben descritta, compliemnti

    RispondiElimina
  25. Grazie per questa tua ricetta di repertorio!
    Molto gustosa, oltretutto! Ed un classico della cucina regionale!
    Non l'ho mai cucinata, ma qualche volta ho potuto assaggiare questa delizia!

    Baci,
    Elisa

    PS: Ora aggiorno l'elenco di Mai Dire Mais! ^___*

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.