lunedì 24 settembre 2018

Pizzoccheri rivisitati

 
Ammetto le mie "colpe" e qualcuno potrebbe bacchettarmi: ebbene si, ho rivisitato, rendendola leggermente light, una ricetta super tradizionale, nonché codificata dall'Accademia del Pizzocchero di Teglio. Una ricetta della cucina povera della Valtellina. 

I pizzoccheri sono simil tagliatelle tirate a mano, non molto sottili, lunghe 7/8 centimetri. Vengono realizzati quasi totalmente con farina di grano saraceno. Il formaggio con cui vengono conditi dovrebbe essere esclusivamente Casera DOP ma dato che la mia ricetta non è quella codificata, e nella mia regione non è facile trovarlo, l'ho sostituito con il Bitto. Le verdure utilizzate possono variare secondo stagione. Le più usate sono le verze, ma possono essere sostituite con fagiolini o bietoline.



Ingredienti per 4 persone:
Pizzoccheri 300 g
Verza pulita dal torsolo 200 g
Patate pulite 300 g
Burro chiarificato 70 g
Bitto 100 g
Grana 50 g
Uno spicchio d'aglio
Salvia 4 foglie
Sale e pepe q.b
Procedimento:

Tagliate a listarelle le foglie della verza pulita dal torsolo; tagliate a cubetti le patate. Mettete a bollire in abbondante acqua salata; mettete prima le patate e dopo pochi minuti anche le verze. Dopo quasi 5 minuti, introducete anche la pasta. In una padella, a parte, rosolate l'aglio (che poi toglierete) e le foglie di salvia nel burro. Scolate la pasta con una schiumarola e mettete a strati, in una zuppiera calda, la pasta con le verdure, formaggio a dadini cospargendo poi il tutto con del burro. Coprite i vari strati con il formaggio grana grattugiato. Alla fine ponete qualche minuti nel forno caldo per fare sciogliere il formaggio.



2 commenti:

  1. Mi piace molto la tua rielaborazione, le ricette vanno sempre adattate, lo hai resa più piacevole e attuale senza stravolgerla, complimenti

    RispondiElimina
  2. Bel piatto ! e un po' più leggero è un bel valore aggiunto !! ciao !!

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.