domenica 6 novembre 2011

Quanti modi di fare e rifare...la torta fritta di Dauly


Cliccando sul banner arriverete alle ricette precedenti
Anche questa volta, sebbene sul filo di lana, ce l'ho fatta ad aderire all'iniziativa di Anna e Ornella....:-D!!! Ho "fuso" due ricette: la torta fritta con il lievito istantaneo per torte salate (ricetta di Ely aggiungendo la patata lessata e schiacciata) e la ricetta della torta rustica della Trattoria Cavallo.
Per la ricetta originale e tutte le spiegazioni vi mando da Dauly. Metto i miei ingredienti tra parentesi e in rosso.

Ingredienti:
1 Kg di farina (½ Kg di farina 00 bio)
2 bustine di lievito per torte salate (1 bustina)*
2 cucchiai di olio e.v.o (1 cucchiaio)
2 cucchiaini di sale (dimenticato)
latte quanto basta per impastare (185 gr di latte intero e 50 di acqua)**
una patata lessata e schiacciata circa 100 gr

Procedimento:
Lessate la patata, schiacciatela, fatela raffreddare e poi unitela all'impasto con il resto degli ingredienti (ricordatevi il sale!) ;-)..... Fate riposare per circa dieci minuti, tagliate a pezzi e tirate delle strisce alte 2-3 millimetri con il matterello o con la macchinetta ( io ho fatto con quest'ultima). Tagliate delle losanghe e friggete in olio profondo. Seguite il consiglio di Dauly: friggete non più di 4 pezzi per volta, lasciate dorare da un lato, girate e togliete appena diventa dorato e gonfio. Togliete con il ragno dei fritti o con il mestolo forato. Se avete fatto come me dimenticando il sale, spolverizzatelo sopra. Accompagnate la torta fritta di Modena con salumi e formaggi. La mia è stata servita con squacquerone, crema di parmigiano, gorgonzola, speck di Sauris, mortadella, abbinando un merlot di Savorgnano del Torre, unendo culinariamente l' Emila Romagna e il Friuli Venezia Giulia. A proposito del vino, mio marito suggeriva un bianco Friulano (ex tocai), ma quando fotografavo...lui non c'era.

* Linkando il blog di Dauly, ho scoperto che aveva sbagliato la dose del lievito, doveva essere dimezzato, ma è riuscito bene anche così.
** La quantità dei liquidi dipende dalla farina, è preferibile dosarli gradatamente!!

Vi aspetto il 6 dicembre nella mia cucina per fare lo stollen


21 commenti:

  1. Ho preso la foto ed il link, passo dopo.
    Baci

    RispondiElimina
  2. Io ho fatto la ricetta di Dauly e volevo provare anche a farla con le patate, prenderò spunto da te.
    Come te anche io ci vedo bene un bel rosso piuttosto che il Friulano. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ma che bella idea tagliarli di varie forme!Io li ho fatti con il lievito di birra ma li proverò senz'altro con le patate. Grazie carissima, prendo foto e link, buona domenica!

    RispondiElimina
  4. ma che idea di tagliarli con il tagliabiscotti!
    Sono splendidi e con la patata non li avevo mai sentiti...dovrò provarli!!!
    mi preparo con lo stollen..ho già acquistato le albicocche secche!!!! bacioni

    RispondiElimina
  5. ciao Solema
    fantastica!!
    aspetto lo stollen ^__^
    baci

    RispondiElimina
  6. Tutto meraviglioso , brava!

    RispondiElimina
  7. la prox volta li preparo a forma di stella anche io...

    vado a studiarmi lo stollen

    Vale

    RispondiElimina
  8. La proverò anche con le patate, deve essere buonissima, come quei salumi e latticini. Buona domenica.

    RispondiElimina
  9. Anche con le patate sono da provare.
    E' così buona questa torta che è difficile stare a pensare alla dieta, vero?
    Bellissime le formine artistiche.
    Il prossimo mese preparati all'assalto virtuale nella tua cucina.
    Baci :D

    RispondiElimina
  10. mamma mia, solema, quando ho riguardato il post e mi sono accorta dell'errore sarei sprofondata, ma vedo che comunque ti è venuta perfetta! da noi si beve naturalmente del lambrusco, ma la morte sua è la Fortana, un vino dolce, frizzante e leggero, che va giù che non te ne accorgi...te ne accorgi dopo!!

    RispondiElimina
  11. Brava Solema..anzi bravissima e sai perchè? L'hai presentata in modo molto elegante, e quel bicchiere di rosso nella foto é "la morte sua"!!!
    Ciao, un bacione!! Spero di riuscire il prossimo mese!!

    RispondiElimina
  12. ma che belle queste formine fritte, bellissima l'idea dei taglia biscotti sono davvero carine e che buone con gli affettati!!!! baci cara e buona domenica a te! Ely

    RispondiElimina
  13. Sì sì, anche da noi si fa così, accompagnata con i salumi é la morte sua.
    baci baci

    RispondiElimina
  14. Bbbbbuuuuoooonniiiiiii... Che idea tagliarli con le formine per i biscotti!
    Solema tu riesci sempre a stupirci oltre che a farci venire l'acquolina!!!
    Un bacioooneeeee....

    RispondiElimina
  15. I tuoi cuoricini sono perfetti, io ho dovuto farli "di fuga", perchè la sera poi...sai com'è, comunque sono piaciuti, i triangoli 12/12/8 sono troppo grandi e ne stavano solo 2 per volta...La prossima volta migliorerò...con l'impasto avanzato ieri ho fatto delle focaccine sulla piastra, buonissime.
    Buona settimana nonna soreli :-)

    RispondiElimina
  16. wow ma che chic questa torta fritta, l'ho sempre e solo vista molto rustica :-) Ciao

    RispondiElimina
  17. che bella la torta fritta con le formine, un' idea per le feste!
    Faccio una ricetta simile senza la patata...proverò la tua variante!

    RispondiElimina
  18. Ciao Solema carissima, innanzitutto ti ringrazio della visita e dell'iscrizione al nuovo blog. Ma quante cose belle e sicuramente buone ho visto qua, da dove mancavo da un pò.
    Un abbraccione!!

    RispondiElimina
  19. ciao, ti vorrei invitare al mio primo contest “DENTRO AL RICCIO”, ricette a base di CASTAGNE! Se ti và, passa a trovarmi. http://dentrolapentola.blogspot.com/2011/10/dentro-il-riccioil-primo-contest-di.html

    RispondiElimina
  20. Sfiziosa questa torta fritta! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.