lunedì 20 dicembre 2010

Stollen o Christollen



Questo è un dolce tedesco, per l'esattezza bavarese! Quest'anno l'ho già fatto più volte, non l'ho mai postato perchè finora non ne ero soddifatta. Questo invece è venuto buonissimo, dopo aver sperimentato diverse ricette, fatto modifiche, sono arrivata alla perfezione. Lo stollen avrebbe bisogno di riposare alcuni giorni, ma io preferisco lasciarlo riposare solo 2 giorni, mentre i tedeschi lo fanno la prima settimana di dicembre e lo lasciano in un posto fresco fino a Natale. Ho fatto anche questa prova, ma secondo i miei gusti diventa troppo secco!!! Dopo diverse sperimentazioni, devo dire che è un'ottima ricetta!!! Non è difficile, ma richiede tempi lunghi di lievitazione. Ci sono 2 varianti, con e senza pasta di mandorle, per non farci mancare nulla ho fatto quello con......

Ingredienti x 3 stollen:
750 gr. di farina forte
200 gr. di zucchero
1 bustina di lievito secco liofilizzato o 25 gr di lievito di birra*
280 gr. di latte tiepido**
250 gr. di burro morbido
1cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di cardamomo (omesso)
160 gr. uvetta
100 gr. di mandorle con la buccia
40 gr. di canditi misti
40 gr. di zenzero candito
80 gr. di albicocche secche morbide
Rum q.b
2 uova
Sale 5 gr.
Per spennellare:
30 gr. circa di burro
Zucchero semolato q.b
Zucchero a velo q.b
Procedimento:

Fate il lievitino con 130 gr. di farina, 80 gr. di latte, 1 uovo e il lievito. Sciogliete il lievito con 2 cucchiai di latte, a parte battete leggermente l'uovo, aggiungete il resto del latte, la farina, deve risultare una crema densa (come da foto). Coprite e mettete a lievitare in luogo tiepido, fino al raddoppio. Di solito ci mette circa 40 minuti, questa volta ci sono volute 2 ore.

A questo punto, nell'impastatrice mettete il resto della farina, lo zucchero, la cannella, il cardamomo (se lo mettete, a casa mia non piace), il lievitino; date una giratina e mettete il latte gradatamente (forse non serve tutto). Deve risultare un impasto molto sodo.

Mi sono aiutata anche a mano. Rimettete in funzione l'impastatrice aggiungete il sale e l'uovo un pò sbattuto e, quando questo è incorporato, iniziate a mettere il burro, un pò alla volta, sempre con l'impastatrice in azione. Quando tutto è ben "incordato", mettete l'impasto in una terrina unta di burro. Coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio, ci sono volute 12 ore. Ho messo a lievitare alle 20 e ripreso in mano la mattina dopo alle 8 circa.

Sgonfiate delicatamente l'impasto e incorporate i canditi, le uvette, le albicocche che avrete messo in bagno nel rum la sera precedente tagliate in 4 o 5 pezzi, sgocciolati bene e all'occorrenza anche asciugati. Mettete anche le mandorle intere. Dividete l'impasto in tre parti.

Sulla spianatoia infarinata iniziate a lavorarli uno alla volta, arrotolateli con le mani fino ad avere un cilindro, spianatene metà con il matterello e nel pezzo più grosso appoggiate il marzapane, che avrete preparato anzitempo. Arrotolate anche il pezzo che avete spianato, fino a coprire il marzapane.

Mettete gli stollen sulla teglia ricoperta di carta forno e divideteli con la stessa. Appoggiate il matterello sulla chiusura per sigillare al meglio. Coprite con pellicola (io metto un sacchetto per sotto vuoto aperto) e con una copertina e lasciate riposare anche qui fino al raddoppio. Ci sono volute circa 4 ore. Faccio lievitare nel forno spento con la luce accesa, ma riscaldato anticipatamente a 30°. Fate cuocere nel forno preriscaldato a 170° x 15 minuti , a 160° per circa 40 minuti. Appena cotti spennellateli abbondantemente di burro fuso (se avete il coraggio anche sotto, io ho sempre paura di romperli e non c'ho mai provato), sempre abbondantemente spolverateli di zucchero semolato e subito dopo di zucchero a velo. Lasciate raffreddare e avvolgeteli nella carta di alluminio. La ricetta originale vorrebbe, appunto, un riposo di almeno 2 settimane, ma ripeto, dopo aver fatto più prove, preferisco farli maturare per non più di 2 giorni. La lavorazione sembra complicata ma non lo è. Si può fare anche a mano, visto che a metà lavorazione la mia impastatrice mi ha abbandonata!!! Con l'olio di gomito, tutto riesce...;-)

Per la pasta di mandorle
Ingredienti:
250 gr. di farina di mandorle
300 gr di zucchero a velo
1 albume
Impastate tutto insieme fino ad aver un impasto liscio. Oppure fate come ho fatto io questa volta, (solo questa volta ) comperate 2 panetti già pronti, seguite le istruzioni scritte sulla confezione e poi dividete in 3 pezzi!!!
* Uso il lievito di birra secco, perchè quello fresco non so come viene trattato! **Il latte va messo gradatamente, dato che non tutta la farina assorbe allo stesso modo!! Questa ricetta partecipa alla raccolta di Ornella
Oggi 30 novembre 2011 ho rifatto questo stollen con la "mia compagna di merende"e ci siamo accorte (veramente lei me l'ha fatto notare, con molta gentilezza) che avevo dimenticato di scrivere diverse cose nella ricetta. Le aggiungo ora sperando che serva a qualcuno.
Il tempo di lievitazione dipende dalla temperatura che avete in casa. Se avete molto caldo, la lievitazione va fatta nel punto meno freddo del frigo, per tutta la notte. La mattina lasciate l'impasto a temperatura ambiente fino a quando lo stesso non è più freddo!!
Mancava nella ricetta anche la descrizione di come doveva essere tagliata la frutta. Ho corretto direttamente nella ricetta. Mi scuso ancora per la mia mancanza...


37 commenti:

  1. accipicchia che lavoro!!!Quanta pazienza che hai!!!
    Ma il risultato ti ha premiata...è bellissimo!! ....e chissa quanto è buono!!
    bacini e buon Natale

    RispondiElimina
  2. che delizia!!!!!!!!!bravissima!!tantissimi auguri di buon natale e felice anno nuovo!un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia!
    Dev'essere strabuono (io adoro il marzapane, non l'avevo mai visto in un dolce)
    Ti auguro un buonissimo Natale!

    RispondiElimina
  4. Non ho mai avuro il coraggio di provare a fare questo dolce, il tuo è davvero splendido. Quel cuore di marzapane abbinato alla frutta secca è fantastico. Un abbraccio e tanti cari auguri di buone feste a te e famiglia.

    RispondiElimina
  5. Un dolce proprio delle feste! Un felice Natale a te e famiglia!

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia Nonna Sole, grazie infinite! Non l'ho mai assaggiato ma in questi giorni sono stata tentata molte volte di prepararlo! Grazie ancora, un grande abbraccio per augurare a te e famiglia un felice Natale e un fantastico anno nuovo!

    RispondiElimina
  7. Veramente una riuscita perfetta!!!!
    Se posso lo preparo per Natale.
    Auguri!!!

    RispondiElimina
  8. veramente una bella ricetta di cui ovviamente non ero a conoscenza!!! Bravissima Solema un' esecuzione perfetta. Tanti auguri se non ci risentiamo

    RispondiElimina
  9. Bellissima ricetta, adoro i dolci bavaresi.
    Grazie della ricetta, appena mi rimetto un po' dall'influenza la provo.
    Intanto cari auguri di Buon Natale e Buon anno

    RispondiElimina
  10. Prendo spunto dalla tua ricetta per provare a farlo perchè mi aveva incuriosito molto e volevo provarci! TI è venuto molto bene! complimenti e auguroni di buone feste! baci ^_^

    RispondiElimina
  11. Carissima ogni tua ricetta è da provare, come si fa a resistere a cotante tentazioni? Io non ci riesco e mi segno questa ricetta bavarese!
    Approfitto dello stollen per fare a te e ai tuoi cari tanti auguri di Buone Feste. Ti abbraccio
    Sonia

    RispondiElimina
  12. golosissimo e molto bello,questo stollen,Solema!!sono passata anche per augurarti un felicissimo,Natale,cara:))un bacione

    RispondiElimina
  13. che lavorone, ma che bontà!!! io settimana scorsa ho preparato il panettone (risultato migliorabile e non ancora postato) e mi fanno ancora male i polsi... ma come fai? Un abbraccione e buon Natale a te e alla tua famiglia :-)

    RispondiElimina
  14. Solema,questa è una ricetta perfetta per il contest!Ma sai che tante volte avrei voluto prepararlo,ma visti i tempi di lievitazione,ho sempre desistito!!Tu invece,l'hai preparato addirittura più volte e a quanto pare hai raggiunto davvero la pefezione!!E' uno spettacolo e poi a me piace,questo con la pasta di mandorle!
    Solema un abbraccio forte per augurarti un felice Natale a te e ai tuoi cari!!

    RispondiElimina
  15. Buonissimo lo adoro,non l'ho mai fatto in casa prima o poi mi dovrò decidere.
    Piccola precisazione lo stollen originale nasce nel Sachsen quello famoso e di Dresda.Bacioni ti auguro un felice e sereno natale Francesca

    RispondiElimina
  16. Sicuramente squisito!!!
    Ciao cara Solema ti lascio tanti auguri di Buon Natale a te e famiglia e che questo natale doni pace... amore e felicità!!!
    In tale occasione nello Scrigno dei Tesori c’è un dono che ti aspetta... dolce notte!!!

    RispondiElimina
  17. Ottima questa ricetta che non vedo l'ora di provare! Un abbraccio forte e mille auguri di cuore a te ed ai tuoi cari!

    RispondiElimina
  18. Wow. Hai fatto la versione seria, io mi son fermata a quella easy con la ricotta.
    Bon Nadal

    RispondiElimina
  19. Non conoscevo questa ricetta,complimenti! auguro buone feste a te e a tutti i tuoi cari, che siano giorni sereni e di pace,questi e quelli che verranno, un bacio

    RispondiElimina
  20. Tantissimi auguri per un sereno natale a te e famiglia, Max.

    RispondiElimina
  21. Ciao cara!! Complimenti per questo dolce!! Ne prendo un pezzetto al volo e ti faccio i miei auguri di un felice e sereno Natale!! Un bacione.

    RispondiElimina
  22. Questo Stollen è bellissimo. Ti auguro un Natale sereno circondata dall'affetto dei tuoi cari.

    RispondiElimina
  23. Auguri di un felice Natale, ciao

    RispondiElimina
  24. Bravissima Solema, è una vera meraviglia. Buon Natale a te e a tutta la tua famiglia. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  25. Bellissimo Stollen! Complimenti e buon Natale :-)

    RispondiElimina
  26. Mamma mia che dolce stupendo!!!!! Me lo segno!!! Che brava sei stata! Bacio e buon anno!!!!

    RispondiElimina
  27. Complimenti cara, veramente ottimo, l'ho fatto pure io molto simile! Auguri di un magnifico anno, un abbraccio!

    RispondiElimina
  28. Aaahhh lo Stollen!! Io sono nata in Germania e questo e tra i dolci che ho sempre mangiato con gusto! Complimenti...

    RispondiElimina
  29. Ciao volevo chiederti bisogna iscriversi per partecipare alle raccolte?Mi piacerebbe grazie..........

    RispondiElimina
  30. @Lidia, no non è necessario iscriversi, basta farlo sapere a Anna e poi mettere il link nel suo blog. Ti chiede solo di postare il 6 del mese e alle ore 8.Se vai sull post della torta fritta c'è il link di Anna e di Ornella, le fautrici dell'iniziativa!!!

    RispondiElimina
  31. Ciao Solema,
    Mi sto preparando adeguatamente per quando verremo ad invadere la tua cucina ;-)
    Ho guardato il procedimento e non capisco quando bisogna unire lo zucchero all'impasto.
    Penso che lo zucchero vada aggiunto insieme a farina, cannella, cardamomo e lievitino.
    Potresti chiarirmi questo punto, per favore?
    Grazie cara, non vedo l'ora di assaggiare questo meraviglioso dolce natalizio.
    Buon fine settimana :D

    RispondiElimina
  32. @Anna, mi scuso per l'omissione.Ho corretto, avevi immaginato giusto, si mette lo zucchero nella seconda lavorazione!!! Il dolce è buono, io pèerò non impazzisco; i miei figli invece lo amano alla follia!!! Buon fine settimana anche a te!!!

    RispondiElimina
  33. Solema una curiosità quanto tempo prima di usarla si deve preparare la pasta di mandorle? Un abbraccio

    RispondiElimina
  34. @Stefania,penso si possa adoperarla quasi subito.
    Dico penso perchè purtroppo non mi ricordo (ah l'età)!!! Come ho già fatto, la prenderò pronta !!
    Ciao cara e buona domenica!

    RispondiElimina
  35. Non c'è che dire,tu e Libera siete proprio una bella coppia....BRAVISSIME!!!!
    Tiziana

    RispondiElimina
  36. eccomi!

    ti devo ringraziare per avermi fatto conoscere un dolce così buono

    affettuosità

    Vale

    RispondiElimina
  37. Come sempre arrivo tardi!!..non ho mai fatto nè mangiato lo stollen quindi devo rimediare..salvo e provo!..Intanto ti faccio gli auguri di Buone Feste!

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.