domenica 10 giugno 2018

Pasta a la Norma... Per quanti modi di fare e rifare



Questo mese, la cuochina con Anna e Ornella ci porta in Sicilia per la condivisione della pasta alla Norma. Ricetta che nasce a Catania, dove viene chiamata "pasta ca' Norma", per valicare poi i confini cittadini. e diventare un simbolo della cucina siciliana. La versione più accreditata vuole che il nome venga dato dal commediografo Nino Martoglio che, dopo aver mangiato questa delizia disse estasiato: "chista è na vera Norma" riferendosi all'opera omonima del compositore Bellini.

 La tradizione vuole i maccheroni come tipo di pasta anche se qualcuno preferisce gli spaghetti. Gli altri ingredienti sono: pomodoro (preferibilmente fresco), melanzane, categoricamente fritte (non importa se a fette o a cubetti), ricotta salata di pecora e basilico. Un piatto tipicamente estivo, con pochi ingredienti e per questo ancora più importante è la loro qualità. L'usanza vorrebbe le melanzane lasciate a fette ma, per agevolare i commensali, io le ho inserite nel sugo, a cubetti, lasciando qualche fetta per l'impiattamento.



Ingredienti per 4 persone per la mia ricetta della pasta alla Norma:
Rigatoni (maccheroni) 320 g
Melanzane lunghe 400 g
Pomodori piccadilly 800 g
Cipollotto 60 g
Sale grosso q.b
Olio extravergine d'oliva 4 cucchiai
Basilico q.b.
Ricotta salata q.b.
Olio di arachidi per friggere q.b.
Procedimento:
Tagliate a cubetti le melanzane, dopo averle lavate e asciugate (se volete fare come me tagliate anche qualche fettina). Mettetele in un colapasta, irroratele con del sale grosso, coprite con un piatto, sopra sistemate un peso e lasciatele per circa 30 minuti. Strizzatele bene, asciugatele e friggetele in molto olio. Scolatele e ponetele su un foglio di carta paglia per asciugare l'olio in eccesso (se le friggete in olio alto assorbono pochissimo). Preparate il sugo di pomodoro. Fate un taglio a croce sull'estremità dei pomodori, sbollentateli per pochi minuti scolateli, metteteli in una ciotola con acqua fredda e poi pelateli. In una padella con qualche cucchiaio d'olio extravergine d'oliva, fate stufare il cipollotto; aggiungete i pomodori tagliati a pezzetti e fate cuocere fino a far diventare una salsa densa. Spegnete il fuoco unite le melanzane a cubetti (tenete da parte le fette). Aggiustate di sale. Lessate la pasta al dente e trasferitela nel sugo. Impiattate aggiungendo le fettine di melanzana, le foglie di basilico e una generosa grattugiata di ricotta salata.


4 commenti:

  1. Buongiorno carissima Solema!

    Incredibile come vada sparato quest’anno, vero? Siamo già a giugno! Chissà chi è il/la fortunato/a che è già in vacanza!

    Ma noi, in allegra compagnia, ci divertiamo con il meraviglioso Menù 2018 con tanti primi della cucina italiana, ricco di bellissime ricette, da realizzare tutti insieme. Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziano per essere stata dei nostri oggi e per la tua golosissima versione della Pasta a la Norma.

    Il prossimo appuntamento con la cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà l'8 luglio, saremo in Sardegna per preparare la Fregola con le arselle. Ti aspettiamo!

    Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo passa troppo in fretta.

      Elimina
  2. ciao Solema,
    le tue foto sono sempre una meraviglia e oggi
    con la pasta a la "Norma" pure PROFUMATE!!
    uN BACIO DALLE 4 APINE

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.