martedì 18 aprile 2017

Pizza con scarola

 Un piatto rustico della cucina napoletana che tradizionalmente viene preparato a Natale ma, anche durante tutto il periodo della raccolta della scarola. La mia, tra l'altro, è a chilometro "due passi" (l'orto della mia fornitrice). In Campania esistono due versioni: a Forio nell'isola di Ischia, si prepara in padella, quasi fritta; a Napoli, al forno. La mia è fatta al forno ma, mi sono ripromessa di provare anche l'altra. Premetto che non ho messo lo strutto, per il figlio vegetariano.


domenica 9 aprile 2017

Tagano... Per quanti modi di fare e rifare


Nella cucina della cuochina c'è un gran fermento di blogger e non, venute da molti paesi per preparare un piatto aragonese. Anna e Ornella ci insegnano a fare questo piatto tradizionale siciliano: il tagano. "U taganu" (in dialetto agrigentino) è una pietanza che prende il nome dalla pentola di terracotta dove viene cucinata. Tradizionalmente viene preparata il sabato santo per essere consumata il lunedì dell'Angelo durante le scampagnate. Nell'antichità questa pietanza veniva cotta in un tegame d'argilla che successivamente veniva rotto. La preparazione è un po' articolata ma gestendo i tempi delle varie preparazioni, il risultato è molto soddisfacente. Un mio consiglio: non lesinate sul condimento  altrimenti otterrete un tagano secco. Si mangia una volta all'anno e che diamine facciamolo godereccio. Devo anche "confessare" che qui in Friuli non si trova facilmente la tuma e per questo ho usato il primo sale.


domenica 2 aprile 2017

Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo

Oggi 2 aprile ricorre la giornata mondiale per la consapevolezza sull'Autismo.

Campagna di Fondazione Oltre il Labirinto Onlus per sostenere il programma di inserimento lavorativo.Sconfiggere la solitudine dei ragazzi con autismo e aiutarli a diventare adulti sempre più autonomi e inseriti nel tessuto sociale. È questo l’obiettivo della Fondazione Oltre il Labirinto, Onlus formata da genitori con figli con autismo, che lavora per offrire una risposta concreta ai bisogni dei ragazzi e delle famiglie coinvolti in questa disabilità.
Per farlo nel 2010 ha dato vita in provincia di Treviso al Villaggio “Godega 4Autism”, esempio di cohousing per autismo e modello di sostegno e partecipazione che integra le strutture residenziali a quelle lavorative e di produzione artigianale. Un progetto che dal 24 marzo all’11 aprile è possibile sostenere donando 2 o 5 euro con SMS e chiamate da rete fissa al numero solidale 45520.Nella vita le conquiste più importanti si nascondono tra le piccole cose di tutti i giorni, nelle azioni che compiamo regolarmente, nella nostra quotidianità. Questo concetto vale più o meno per tutti e ci ricorda quanto sia importante saper cogliere la bellezza e la complessità di ogni nostro gesto. 
In questa attività Fondazione Oltre il Labirinto è sostenuta da diverse personalità del mondo dello spettacolo, in particolare dalla testimonial Sabrina Salerno, che ha scelto di prestare la propria immagine per la realizzazione dei materiali di comunicazione della campagna.
La Fondazione può inoltre contare sul prezioso supporto di Marco Santin della Gialappa’s e di alcuni amici del mondo dello sport tra cui Silvia Marangoni, Igor Cassina, Jury Chechi, Lorenzo Bernardi, Marzio Bruseghin, Riccardo Pittis.



lunedì 20 marzo 2017

Plumcake al limone



Per la mia famiglia, la colazione è un momento della giornata molto importante, anche per quanto riguarda l'alimentazione. Solitamente si mangiano dolci semplici, fatti in casa; per questo, sono sempre alla ricerca di qualcosa di diverso e sfizioso, e così, mi sono imbattuta in un dolce consigliato da Galbani.  Ho modificato quindi la ricetta originale di questa torta al limone creando un plumcake e aggiungendo degli ingredienti. Avevo in casa dell'ottima marmellata di limone; limoni biologici di Sorrento. Si possono anche acquistare delle ottime marmellate. Dicevo, un dolce ottimo per la colazione ma anche per una gustosa merenda. La marmellata di limoni ha un gusto piacevolmente amarognolo; naturalmente bisogna utilizzare limoni biologici e maturi per non incorrere in un gusto aspro. Ho usato anche un limoncello home made. Nonostante la presenza di quest'ultimo liquore, questo dolce può essere tranquillamente consumato anche dai bambini, considerando che la totalità dell'alcol svanirà evaporando durante la cottura; il suo utilizzo è mirato solamente a contrastare l'amarognolo della marmellata.
Volevo soffermarmi sulle proprietà e sugli usi dei limoni. Oltre che in cucina, l'uso del limone è molteplice: dai semi si estraggono gli oli essenziali; dalla buccia si ricavano essenze tra cui la "pectina". Le piante di limoni si coltivano in diverse parti del mondo con caratteristiche climatiche caldo-umide. In Italia ne esistono molte specie pregiate. Il limone viene anche utilizzato in cosmesi; per l'aromaterapia. L'utilizzo in cucina poi, è vario; spazia dall'uso del succo come condimento e come ingrediente indispensabile per le marinate.Si usa anche per non fare annerire certi tipi di frutta e verdura: fragole, macedonie in genere e come dimenticarci dei carciofi. Concludo non dimenticando il limoncello, fatto principalmente con i limoni di Sorrento perché hanno come caratteristica la buccia molto spessa.


domenica 12 marzo 2017

Gulasch... Per Quanti modi di fare e rifare



Il gulasch, piatto scelto questo mese dalla cuochina su suggerimento di Anna e Ornella, è un piatto di carne di origine ungherese. Lo preparavano i mandriani, cuocendolo in grossi pentoloni. Lo preparavano quando trasportavano i loro bovini pregiati nei mercati di Vienna e Venezia. La mia regione, Friuli Venezia Giulia, confinando con l'Austria, subisce naturalmente le contaminazioni dei "cugini" confinanti; Per questo da noi si prepara con una certa frequenza. In origine il gulasch veniva cotto come una zuppa; oggi invece lo si cuoce come uno spezzatino. Viene preparato con molta cipolla; andrebbe utilizzata a pari peso ma, nella mia preparazione ne ho usato il 50%. Vengono poi utilizzate spezie quali: il cumino e la paprika; quest'ultima non deve essere necessariamente forte (va a piacere). La paprika non è altro che un peperone dolce tritato ed essiccato; il piccante deriva dallo stesso peperone ma viene macinata anche la parte interna dello stesso.
Il mio gulasch si differenzia un po' dalla versione della cuochina anche per l'aggiunta delle patate.



lunedì 27 febbraio 2017

Crostata con crema frangipane alle nocciole


Siamo al secondo appuntamento di un Piatto Dcon una nuova crostata. Ad essere sinceri, la vera crema frangipane verrebbe fatta con le mandorle ma, avendo in casa le ultime nocciole del mio albero, ho pensato di consumarle utilizzandole in questa ricetta. Le nocciole; un concentrato di proprietà benefiche per la salute. Ricche di vitamina E e di fitosteroli; inoltre contengono grassi insaturi e acido oleico; quest'ultimo utile per il colesterolo buono e contro quello cattivo. Unico accorgimento è quello di non eccedere visto l'elevato apporto calorico ma, come anche per tutta la frutta secca, andrebbero consumate ogni giorno.
Trovate questa ricetta e molte altre, mie e non: Qui


venerdì 17 febbraio 2017

Zuppa di cavolo nero con miglio


Prima che la stagione del cavolo nero finisca (è risaputo che amo le stagionalità dei prodotti) preparo delle zuppe appaganti per il palato e protettive per il nostro organismo. Il cavolo nero, si sa, ha proprietà antiossidanti e il suo contenuto di fibre fa di lui un ottimo disintossicante appunto.
Il miglio, dal canto suo, è un cereale ricco di minerali come ferro, magnesio. Faccio spesso questa zuppa che assomiglia vagamente alla ribollita. Metto due tipi di fagioli, perché durante l'estate li sgrano e li congelo, per averli pronti anche in inverno. Se preferite li potete mettere tutti dello stesso tipo (anche tutti cannellini di scatola).


domenica 12 febbraio 2017

La cicerchiata... Per Quanti modi di fare e rifare




Carnevale, sinonimo di colori e allegria. La cuochina, con Anna e Ornella ha voluto rappresentarlo con questa ricetta. La cicerchiata: un dolce tipico di molte regioni del sud e centro Italia e preparato nel periodo del carnevale. Si racconta che le origini siano abruzzesi, molisane nonché marchigiane e che il nome derivi dalle palline che assomigliano alla cicerchia, un legume coltivato in quest'ultima regione. Qualcuno, invece, associa questo termine alla forma assomigliante ad un cerchio. Esistono delle varianti riguardo gli ingredienti finali; si possono aggiungere confettini colorati, mandorle tostate o frutta candita. Per non farmi mancare nulla li ho messi tutti."Melius est abundare quam deficere" (meglio abbondare che scarseggiare). Ho raddoppiato la dose e aggiunto la punta di un cucchiaino di lievito. Avevo delle mandorle portate dalla Puglia da una mia amica; le ho pelate scottandole in acqua bollente per qualche minuto e poi tagliate a metà e tostate in forno a 180° per 5 minuti circa.


venerdì 3 febbraio 2017

Cucinare per Piacere e per Mestiere

Dopo il successo dello scorso anno, 18000 visitatori, sta per avere inizio la quinta edizione di "Cucinare", il Salone dell'enogastronomia e delle tecnologie per la cucina. Con la direzione di Fabrizio Nonis, dall'11 al 14 febbraio, alla Fiera di Pordenone, 150 espositori, provenienti da 17 regioni rappresenteranno i 2 macro settori che rappresentano "Cucinare": le eccellenze made in Italy con le loro filiere agroalimentari, e le tecnologie per la cucina.

Tanti gli eventi, impossibile per me elencarli tutti, questo mio sarà un viaggio veloce in quattro giorni densi di appuntamenti, tutti importanti, e tutti all'insegna del buon cibo e del buon vino.
Si inizierà con la premiazione di tre giovani Chef emergenti, Luca Abbadir, Michel Basaldella e Chiara Canzonieri. Il Crédit Agricole FriulAdria, l'Istituto Bancario di riferimento del settore agroalimentare del Nord Est, conferirà loro un meritato riconoscimento e dopo la premiazione i tre giovani delizieranno i presenti con il loro show cooking. 
La F.I.S.A.R. di Pordenone condurrà, quanti vorranno partecipare, in un viaggio nel mondo dei vermouth storici. 
Il vermouth non è un liquore, non è un distillato, ma è un vino, e quindi verrà degustato accompagnato da una selezione di formaggi.
La F.I.S.A.R. organizzerà anche una tavola rotonda tutta al femminile dal tema: "Vini spumanti da vitigni autoctoni veneto-friulani". Poi un laboratorio, o meglio una degustazione guidata con analisi sensoriale di due vitigni storici il Tocai Friulano e il Tocai Tai Rosso.
A "Cucinare" sarà presente anche Coop Alleanza 3.0, la più grande cooperativa di consumatori in Italia, nata dall'unione di Coop Consumatori Nordest e Coop Estense. Questa volta Coop si rivolgerà a un pubblico più giovane, dai 4 ai 14 anni, i "consumatori di domani". Nelle 4 giornate di "Cucinare", in uno stand a loro riservato, i giovani, con "Spesa e sorpresa", impareranno a fare la spesa del territorio, quindi a scegliere prodotti tipici a Km 0.

I ragazzi verranno accolti da Lorenzo Branchetti, il cuoco "pasticcione" della "Prova del cuoco" e conduttore della "Melevisione" su Rai YoYo, nel suo Food Making Show. I giovani conosceranno le filiere del suino, del latte e dei cereali. Impareranno a fare i salumi, la mozzarella e il pane. 
Ci sarà una golosa sorpresa anche per gli adulti accompagnatori, i soci volontari di Fior Fiore Coop faranno degustare il caffè, l'immancabile prosecco, ma anche il prosciutto crudo, lo stracchino, la mozzarella, il pane friulano  e l'olio evo. Inoltre, perchè l'educazione al consumo consapevole raggiunga tutti gli "adulti di domani", i laboratori sono aperti anche alle scuole.
"Cucinare" sarà anche solidarietà, e allora 16 imprese dei Comuni terremotati di Rieti e Perugia avranno modo di vendere i loro prodotti, che se non verranno sostenuti, rischiano di scomparire.
Sicuramente da non perdere saranno i live show curati e condotti da Fabrizio Nonis. Il giornalista, autore, conduttore televisivo, nella Star Cooking Arena, accoglierà gli Chef più amati e seguiti del momento, le stelle che brillano nel firmamento della cucina,
come Davide Scabin, Matteo Baronetto, Paolo Casagrande, Giuliano Baldessari, Diego Bongiovanni, Hirohito Shoda, Luca Montersino.

Invitandovi a partecipare chiuderei con le parole di Fabrizio Nonis, un messaggio di gioia nonostante tutto...

"C'è tanta voglia di bellezza, positività ed energia, oggi, e la cucina rappresenta senza ombra di dubbio il cuore dell'italianità più autentica, un motore da far correre a pieni giri per rilanciare l'immagine del Belpaese nel mondo."
Da parte mia..."Buon cibo a tutti!"



lunedì 23 gennaio 2017

E' arrivato il gran giorno

E finalmente il gran giorno è arrivato! Con gioia vi presento il nuovo progetto di D laRepubblica e con lui la mia prima crostata, fresca e delicata insieme, con quel tocco di poesia che nella vita non dovrebbe mai mancare.
Buona lettura...e mi raccomando provatela, vi assicuro, ne rimarrete estasiati.


domenica 22 gennaio 2017

"...E, come nelle favole...


"Udite, udite gente!" Sto per arrivare anch'io con  Un piatto D, il nuovo progetto di D laRepubblica, con le mie crostate, dolci e salate, ma sempre friabili, pronte a sciogliersi in bocca. Allora a presto!
Nonna Sole


martedì 17 gennaio 2017

Frittelle di zucca

La zucca, uno dei prodotti che amo di più di questa stagione. Versatile, sana, dietetica; insomma, strapiena di proprietà benefiche. Da sempre la utilizzo moltissimo: per i dolci, per i salati, per il pane e chi più ne ha più ne metta. Le proprietà benefiche, dicevo, sono molteplici; innanzitutto è ricca di betacarotene che aiuta la formazione della vitamina A e poi la sua polpa è un ottimo antiossidante.


martedì 10 gennaio 2017

Arancini Catanesi


Una ricetta, forse pomo della discordia per una serie di motivi: a Palermo si chiamano arancine, mentre a Catania, dove uno chef me l'ha insegnata, li chiamano al maschile: arancini; mettiamo poi che ci andrebbe il ragù di carne mentre questi hanno il ragù di soia; inoltre, andrebbero passati nell'uovo prima che nel pane ed invece questi sono passati in una pastella di acqua e farina. Quando cucino, il pensiero è sempre rivolto ai gusti dei miei commensali. Ho più volte asserito di avere un figlio vegetariano e qualcosa di buono dovrò pur preparare a quella creatura. Ho usato un riso varietà S'Andrea d.o.p di Vercelli ma si possono tranquillamente utilizzare altre varietà.