venerdì 16 settembre 2016

Chitarrone "Picchi Pacchiu"



Per "Il giro dei primi"siamo arrivati alla penultima puntata. Il contest indetto da "La Melagrana - Food Creative Idea" in collaborazione con Pasta di Canossa ci porta in Sicilia. Dovrei dire che "ritorno" in questa meravigliosa isola, visto che ci sono stata due anni fa. Quando ho visto che dovevamo trovare un sugo che si adattasse al chitarrone della Pasta di Canossa, subito i miei sensi, olfatto e gusto, si sono attivati e mi hanno fatto ricordare questo gustoso piatto: il "picchi pacchiu". Un sugo rustico che ben si adatta a questa pasta straordinaria, prodotta a chilometro zero nella Tenuta Cuniola, in provincia di Ferrara. E' qui che viene seminato il grano utilizzato poi per produrre questa pasta. La selezione del grano ha portato a scegliere due varietà: Colombo e Tirex, che donano alla pasta una consistenza ineguagliabile. Il mio odorato ritorna al magico luogo dove ho assaggiato questo piatto: Mascali, esattamente a Fondachello, in provincia di Catania. Si vocifera che questa ricetta sia Palermitana ma, ormai, viene preparata in tutte le famiglie siciliane.Mi hanno raccontato che il termine "picchi pacchiu" è derivato dal rumore che fa lo sfrigolio del pomodoro messo nell'olio bollente. C'è anche chi sostiene che derivi dal nome che i siciliani danno al sesso femminile e questo termine significhi qualcosa di sontuoso ed eccitante. Nella mia versione, ho voluto abbinare una verdura cara ai siciliani: la melanzana.



Ingredienti per 4 persone:


Pasta di Canossa 320 g
Pomodori ramati maturi 1 kg
Ricotta salata 100 g
Aglio due spicchi
Basilico, timo, maggiorana q.b
Olio extravergine d'oliva q.b
Peperoncino fresco a piacere

Procedimento:
Fate un taglio a croce ai pomodori; sbollentateli; pelateli e togliete i semi. In una padella capiente, che possa poi contenere la pasta,mette 4 cucchiai abbondanti d'olio con due spicchi d'aglio tagliati a fettine che, dopo rosolati eliminerete. Unite il peperoncino tritato a coltello e i pomodori tagliati a pezzettoni. Fate cuocere e asciugare dal liquido. Aggiustate di sale e aggiungete le erbe aromatiche.
Cuocete la pasta molto al dente e mettetela nella padella con il sugo. Spolverate abbondantemente con la ricotta salata.

Procedimento per la melanzana:
Tagliate una melanzana lunga, a fette di circa mezzo centimetro. Cospargete di sale grosso e fate perdere l'acqua amara sotto un peso. Asciugate bene le fette e fate rosolare in una padella con poco olio. o se volete fare come me: rivestite una teglia di carta forno, spennellate di olio la carta e sopra le fette e infornate a 180° per circa 5 minuti o finché le vedrete dorate. Dopo aver condito la pasta arrotolatela nelle fette di melanzana. Condite ancora con il pomodoro e ricotta. Aggiungete un filo d'olio extravergine d'oliva.



"Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagrana - Food Creative Idea e Pasta di Canossa"
#melagranafood, #pastadicanossa #girodeiprimi #labuonapasta, #lapastachesadipasta.



2 commenti:

  1. Bellissima ricetta come la presentazione! brava!

    RispondiElimina
  2. mi piacciono molto gli spaghetti alla chitarra, assorbono il sugo che è una meraviglia, cercherò questa pasta, grazie !

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.