domenica 6 ottobre 2013

Quanti modi di fare e rifare... Pane allo zafferano



 

I giorni scorrono veloci e siamo già da Euan, insieme alla cuochina , alle sue ideatrici Anna Ornella  e a tutte/i  le/i  cuochine/i  sparsi per il mondo, a fare il pane allo zafferano della Cornovaglia. Ho cercato invano i pistilli di zafferano, o meglio, li avevo anche trovati ma...avrei dovuto accendere un mutuo. Quindi ho deciso di provare con la polvere (di zafferano, appunto). Anche questa abbastanza costosa ma non "emorragica" (ne valeva comunque la pena). Buono, con qualche considerazione: la temperatura del forno un pò troppo alta, si sa, ognuno dovrebbe conoscere il proprio forno, mea culpa; ho utilizzato metà dose di farina, ma potevo tranquillamente mettere la dose intera di uvetta sultanina, anche qui mea culpa. Mi è piaciuto molto l'impasto, malleabile nonostante molto morbido.
Metto gli ingredienti di Euan, tra parentesi e in rosso i miei e il mio procedimento.


 
Ingredienti:
Un pizzico grande di filamenti di zafferano (polvere 0,1 grammo)
1 cucchiaio di acqua bollente
150ml di latte (75 gr)
125 g di burro non salato (65 gr)
100 ml d’acqua (50 gr)
600 g di farina bianca per pane (320 gr di farina 0)
5 g di sale marino fine (dimenticato)
7g di lievito di birra secco di azione veloce (3 gr di lievito secco)
85 g di zucchero semolato (50 gr)
1 uovo medio
200 g di uva passa (100 gr)
2 cucchiai di miele per la glassa (facoltativo)
Procedimento:
 
In una ciotola mettete la polvere di zafferano con un cucchiaio di acqua caldissima. Lasciate riposare. Nel frattempo sciogliete il burro con il latte bollente e aggiungete lo zafferano con la sua acqua. Lasciate intiepidire. Nell'impastatrice mettete la farina, il lievito, lo zucchero. Iniziate a lavorare aggiungendo gradatamente il latte e per ultimo l'uovo (se vi ricordate anche il sale). Lavorate finchè l'impasto si "incorda". Trasferite su una spianatoia non infarinata; aggiungete l'uvetta e lavorate finchè l'impasto non sarà liscio. Mettete in una ciotola; coprite con pellicola e con un panno. Mettete in un posto caldo fino al raddoppio. Dopo la lievitazione, trasferite sulla spianatoia poco infarinata. Fate delle palline (le mie erano 10 da 70 gr l'una) e formate dei panini che sistemerete su una placca coperta da carta forno. Metteteli distanziati. I panini io li formo così: prelevo un pezzetto di pasta; schiaccio con il palmo della mano delicatamente; rabbocco gli angoli; giro sotto sopra e con il palmo della mano giro la pasta fino a formare una pallina. Infornate in forno preriscaldato a 220° per circa 15 minuti. La prossima volta metterò la temperatura a 190-200° (ognuno conosce il proprio forno). Preparate una glassa, facendo bollire 2 cucchiai di miele e uno di acqua. Spennellate i panini ancora caldi, non ve ne pentirete: una bontà

Saremo il 6 novembre dalla cuochina per replicare un gustosissimo stracotto di Daniela, una amica no-blogger


22 commenti:

  1. belli lucidi i tuoi panini buonissimi davvero!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. mamma mia che meraviglia!!!! buon inizio di giornata con queste delizie!!!!

    RispondiElimina
  3. grazie per questa idea sembrano così golosi!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno cara Solema
    Ci ritroviamo in tanti stamattina
    al goloso richiamo della Cuochina!!
    Per questa ricetta in Inghilterra siam volati
    a preparar con Euan questi panini prelibati!
    All'interno dell'oro hanno il colore
    e al palato un delizioso sapore!
    Ti ringraziano con tutto il cuore Anna e Ornella
    per aver spignattato nella loro cucina bella!
    A novembre, mi raccomando, a cena o a pranzo
    non scordar l'appuntamento con lo stufato di manzo!
    Un abbraccio
    La Cuochina

    RispondiElimina
  5. ciao Solema
    una meraviglia !!!! e che belle le foto!!!!
    ti abbraccio forte forte e buona domenica

    RispondiElimina
  6. ciao Solema cara, sono ottimi davvero questi panini, sullo zafferano hai ragione, io ho usato quello di maremma, regalatomi da mio cugino che lo produce, una piccola produzione, ma è stupendo...un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Se dici di aver fatto degli errori sarà anche cosi (...non siamo mai contente....)...ma a me sembrano venuti benissimo!!
    A presto!!

    RispondiElimina
  8. Ciao e belli cicciotti i tuoi panini. Anche il loro colore è stupendo.

    RispondiElimina
  9. Bellissima versione sofficissimi !!!!!!!
    Un caro saluto :-))))

    RispondiElimina
  10. super golosissimiiiiiiiiiiiii!!!

    RispondiElimina
  11. beh si sono un po' cari fortuna ne ho ancora un piccolo barattolo :) bellissimi!!

    RispondiElimina
  12. Ciao Solema, anche io ho usato lo zafferano in polvere per non accendere mutui! Buona settimana a presto

    RispondiElimina
  13. La tua glassa è splendente e scommetto anche il sapore!!

    RispondiElimina
  14. Invace mi piace un sacco la cottura dei tuoi panini ed anche l'effetto lucido......
    francesca

    RispondiElimina
  15. ciao Solema,
    sei sempre BRAVISSIMA. I tuoi panini e le tue foto sono molto belle.
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  16. Solema , ma questo blog ha avuto una rinnovata o sbaglio? Lo trovo bellissimo come i tuoi panini!
    A parte la scritta (dimenticato) accanto al sale che mi ha fatto sorridere tantissimo :D ma devo dire che sono venuti comunque uno splendore! Complimenti!

    RispondiElimina
  17. Vedendo la consistenza dell'interno, per me ti sono venuti molto bene.

    RispondiElimina
  18. Solema carissima, le tue ricette e le foto che pubblichi mi ritemprano l'anima oltre a farmi venire l'acquolina in bocca! Sei troppo super... Un bacio dolcissimo come i tuoi panini meravigliosi!

    RispondiElimina
  19. Buonissimi e morbidosi, certo che la tua glassa lucida lucida oltre a rendere benissimo in foto, deve essere golosa!

    RispondiElimina
  20. Buonissimi anche i tuoi panini allo zafferano! brava!

    RispondiElimina
  21. Questi mi sembrano perfetti! Soffici, lucidi e belli di colore in crosta e mollica. Complimenti. Euan x

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.