lunedì 29 ottobre 2012

Pane siciliano delle Simili

Dal libro  "Pane e Roba dolce delle Simili"


Per il mio compleanno, la famiglia ha pensato di regalarmi un "gioiello". Non un diamante qualsiasi ma un kenwood!!!. All'interno di questo gioiello, ce n'erano altri: farine preziose: tra queste un semolato Senatore Capelli, non rimacinata, una farina semi integrale, esattamente questa della foto sotto.



Da tanto tempo mi frullava nella mente la ricetta del pane siciliano delle Simili e quale miglior ingrediente potevo avere per riprodurlo? Pensato e fatto! Ho modificato, però, il procedimento.
Loro lo fanno con impasto diretto, io ho preferito fare un pre-impasto (chiamato biga).
 Premetto che ho adoperato un lievito secco bio (9 g equivalgono a 25 di lievito di birra fresco - ndr)
Ingredienti biga:
Farina 0 300 g
Semola  (anche rimacinata) 200 g
Acqua 250 g
Lievito secco 2 g o 5 di lievito fresco
Procedimento biga:
ore 18





Mescolate le farine con il lievito (se adoperate quello fresco sbriciolatelo e scioglietelo con 50 g dell'acqua totale della biga), aggiungete l'acqua e impastate fino ad avere una palla, che non sarà proprio liscia. Mettete in una ciotola e chiudete, possibilmente ermeticamente.  Tenete la ciotola a temperatura ambiente (circa 18°) per 12-15 ore (a me ci sono volute 15 ore).
Ingredienti impasto:
Semola 500 g
Acqua 350 g
Olio e.v.o 4 cucchiai
Sale 20 g
Lievito secco 7 0 il resto del cubetto fresco
Miele 2 cucchiaini
ore 9
Procedimento impasto:

Mettete nell'impastatrice la semola con il lievito e impastatela con la biga a pezzettini. Aggiungetevi poi il miele. A questo punto, versate gradatamente 300 g di acqua e, quando l'impasto inizia a prendere corda, mettete, sempre gradatamente, l'olio e il resto dell'acqua con il sale.  Lavorate l'impasto finchédiventa liscio, ma non deve essere troppo morbido...diciamo "sostenuto". Mettetelo in una ciotola unta d'olio e lasciate riposare, tenendo il tutto coperto con la pellicola e con uno strofinaccio fino al raddoppio. Io lo metto nel forno spento con la luce accesa. Saranno necessarie 2 ore circa (mettetevi comodi). Rovesciate l'impasto sul tavolo infarinato; stendete con le mani e date una piega a 3 (folding). Lasciate riposare, sempre coperto per circa 30 minuti. Chiudete a palla e dividete a metà...e ancora a metà (se avete fatto doppia dose o solo a metà se avete fatto una sola dose).



Formate delle palle. Con una di queste formate un filone: praticate 3 tagli trasversali, spennellate con acqua e spolverizzate di semi di sesamo. Con l'altra formate un filone lungo e sottile. Create  una serpentina; sollevate l'ultimo tratto passando sulla serpentina stessa e fissate l'estremità. Spennellate anch'esso con acqua e spolverizzate con i semini. Disponete sulla teglia coperta con carta forno, coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio. Facendo doppia dose, ho coperto una teglia e l'ho messa nel punto meno freddo del frigo. Quando una teglia di pane è lievitata e pronta per la cottura, tolgo l'altra dal frigo, tenendola sempre ben coperta. Portate il forno alla massima temperatura con dentro una teglia (non avendo la pietra refrattaria faccio in questo modo), sollevate il pane con una paletta con la carta forno inclusa e ponetelo nella teglia rovente. Cuocete a 210 per 15 minuti, abbassate il forno a 190° per altri 10 minuti e, con il forno in fessura, per altri 20 minuti. Una volta estratto dal forno, posizionate il pane su una gratella lasciandolo raffreddare.



Un pane molto profumato e con la mollica compatta. Con quello rimasto ho fatto delle bruschette con la crema di peperoni. Una squisitezza...





11 commenti:

  1. Ti è venuto proprio bene il pane.

    RispondiElimina
  2. Splendido risultato: merito anche degli splendidi regali ricevuti!

    RispondiElimina
  3. ottimo pane...bravissima!
    un bacio cara!

    RispondiElimina
  4. Proprio un gioiello e neanche solo...Con queste meravigliose farine che hanno dato un ottimo risultato!Ciao, buona settimana..

    RispondiElimina
  5. Ti hanno fatto un regalo bellissimo, hanno fatto proprio bene, ti serviva vero? il pane è molto bello e siccome stamani mettendo a posto ho trovato un pacco di Senatore Cappelli comprata qualche mese fa (io le compro e poi mi dimentico!!!)mi sa che lo faccio...ciao carissima, un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ciao Solema
    hai fatto un signor pane!!!
    E felice per te del bellissimo regalo ricevuto!!!
    Con la semola senatore Cappelli ho impastato tante volte è eccezionale per il pane!!
    baci

    RispondiElimina
  7. Un regalo stupendo cara Solema..e hai sfornato un bellissimo pane!
    Ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  8. che bel regalone cara e che bel pane da buona siciliana posso dirti che le mafaldine hanno una forma perfetta e penso anche il sapore complimenti ! mi sono appena unita i tuoi lettori con molto piacere se ti va passa ha trovarmi ciao vita

    RispondiElimina
  9. che pani magnifici, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Bellisimo pane....bellissima ricetta!!!

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.