venerdì 8 ottobre 2010

Cjalsòns o Cjarsons di Rualp (Rivalpo)












Ho aderito molto volentieri a questo evento voluto fortemente da Rossella del blog "ma che ti sei mangiato?. Innanzitutto devo descrivere questo cibo. I Cjalsons sono uno dei piatti tipici del Friuli Venezia Giulia, e più precisamente della Carnia (un'ampia zona nel nord della regione). Non sono altro che dei ravioli o agnolotti, con ingredienti particolari e non usuali per i ravioli classici. Rossella, spiega che l'idea di questo evento l'è venuta leggendo la biografia di Gianni Cosetti, cuoco rinomatissimo della Carnia, proprietario del ristorante Roma a Tolmezzo (altrettanto rinomato) e detentore di una stella Michelin. Cosetti si impegnò molto a recuperare le tradizione e così negli anni ottanta organizzò un concorso per le casalinghe al quale parteciparono 40 persone e, così, lui si trovò con ben 40 diverse ricette!. Rossella ne ha mandate 6 più 3 aggiuntive che lui serviva nel suo ristorante. Ho dato a mio figlio Max l'onere della scelta e lui fra le tante ha scelto quella di Rivalpo (un piccolo paesino carnico). Passo alla ricetta, che ho seguito diligentemente omettendo solo l'uovo, perchè in famiglia c'è una persona intollerante.

Ingredienti per la pasta:
200 gr di farina
1 noce di burro
1 bicchiere di acqua tiepida (100g)
1 pizzico di sale
1 uovo per spennellare (omesso)
Per il ripieno:
200 gr di patate
2 fichi secchi
1 pizzico di menta secca in polvere
1 cipolla piccola
50 g di uva sultanina
1 scorza di limone grattugiata
30 g di zucchero
1 cucchiaio di cannella in polvere
15 gr di cacao amaro
1 grossa carruba
1 uovo (omesso)
Olio
Burro
Per il condimento:
Burro q.b
Ricotta affumicata
Procedimento:

Preparate la pasta amalgamando la farina con l'acqua tiepida nella quale avrete sciolto il burro ed un pizzico di sale. Lasciatela riposare per 20 minuti coperta con un panno. Intanto preparate il ripieno. Soffriggete con olio e burro, la cipolla affettata sottilmente, toglietela e mettetela nel mixer, nella stessa pentola mettete le patate lessate e passate al setaccio, la menta, i fichi, l'uva sultanina, la scorza del limone grettugiato,la cannella, il cacao, lo zucchero, la carruba a cui avrete tolto i semini e fatta a pezzetti, Mettete tutto nel mixer insieme alla cipolla e tritate il tutto, l'uovo (che io non ho messo) e fate rosolare. Mescolate formando un composto omogeneo; lasciatela riposare fino a che si raffredda. Su una spianatoia infarinata tirate la pasta sottile (io l'ho fatto con la macchinetta , l'ho tirata fino al numero 5, sapendo che la mia nonna papera arriva fino al 7), e ricavate dei cerchi del diametro di 7 cm, spennellateli con l'uovo sbattuto (non è necessario), ponete al centro una pallina di ripieno, ripiegate e chiudete bene premendo sui bordi ( io l'ho fatto con una forchetta). Preparate tutti i cjalsons, lessateli in acqua bollente salata finchè verranno a galla. Conditeli con burro fuso color nocciola cospargeteli con ricotta affumicata. Devo dire che sono piaciuti molto anche a me che non sono una grande estimatrice!!!....;-) Con queste dosi sono venuti 42 agnolotti!!!! Buoni davvero... Grazie Rossella, non li avrei mai fatti senza il tuo evento!!!

Cosa bere
Most di peruz (mosto/sidro di pere)

Sauvignon del Collio


28 commenti:

  1. Molto interessante questo ripieno dei ravoli molto fine!

    RispondiElimina
  2. Molto raffinati e originali!!! Complimenti, un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  3. Ma che buonii! Quando vado in montagna li mangio sempre!!!

    Un bacio

    RispondiElimina
  4. E' un sacco di tempo che non li mangio, è arrivato il momento di rifarli, bellissima ricetta Solema, un bacione e buon we....

    RispondiElimina
  5. Originali e delicati, veramente brava. Buon we.

    RispondiElimina
  6. Che accostamento originale x il ripieno!Io non li ho mai mangiati trovandomi all"estremo sud,ma volendo con le tue spiegazioni così chiare,potrei anche provare a farli.Buon we.

    RispondiElimina
  7. Bellissima presentazione!Sono troooppo buoni!
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Cara Solema che buona ricetta!!! Io non li ho mai mangiati e mi piacerebbe riuscire a farli
    appena avrò tutti gli ingredienti.. Grazie e complimenti. Devono essere veramente ottimi.

    RispondiElimina
  9. Un plato interesante, me lo apunto. Saludos

    RispondiElimina
  10. Nemmno io li ho mai mangiati, anzi li ho visti per la prima volta nel blog di Giulia questa settimana. La tua deliziosa versione mi sembra quella dolce o no? Che dici se uso la farina di carrube perché i frutti sono introvabili qui! Un abbraccio, complimenti per la preparazione!

    RispondiElimina
  11. sicuramente chic ed originale questo piatto!!e tu l'hai eseguito in maniera eccellente :)brava Solema :D buon weekend,cara!un bacio

    RispondiElimina
  12. Sembrano davvero squisiti..complimenti

    RispondiElimina
  13. Este plato es bellísimo...Una obra de arte sin dudas!!!
    Buen fin de semana!!

    RispondiElimina
  14. Che squisitezza.....la tua spiegazione dettagliata mi stuzzica,voglio
    provare a farli.Ciao nonna Sole,grazie.
    Tiziana

    RispondiElimina
  15. Ma che belli!!!Le ricette della tradizione sono intramontabili.
    Bravissima nonna Sole e ottima scelta da parte di Max.
    Baci

    RispondiElimina
  16. Bravissima!
    Leggo che la Cavia più difficile da convincere sei stata tu, potere dei Cjalsons!
    Ora non tocca che a me di mettermi all'opera :)

    Mi permetto di rispondere ad Ornella, la ricetta è adattabile a quello che hai. Prova pure con la farina...dopotutto da questo evento io ho scoperto i geranei profumati. e sì, c'è una ricetta di Cjalsons anche con quelli.

    RispondiElimina
  17. @Rossella, è verissimo, personalmente avrei scelto quelli del Carnia, ma mio figlio(audace ha preferito questi. A me sono piaciuti moltissimo, la pasta poi era una meraviglia, si tirava benissimo!!!
    @Germana, a me piacciono tutti i cibi delle regioni Italiane, ma con un occhio di riguardo per il mio Friuli.
    @Tiziana, ero restia a farli, tanto che a Rossella l'avevo detto e invece è stata una piacevole sorpresa!!!
    @Caro, Masterchef,JosèManuel,Elisabetta,Marifra,
    Papavero,Mestolo e paiolo,Francesca,Mary, Lady Boheme, Grazie ragazze/i, siete troppo buoni!!!
    @Ornella, ti ha già risposto Rossella, ho detto che 40 persone 40 ricette!!!
    @Virgikelian, io li avevo mangiati una volta e non mi erano piaciuti, invece questi li rifarò senz'altro!
    @Chiara, Ci sono un sacco di ricette ora in giro per blogger, Rossella ha scatenato la friulanità anche a Roma!!!

    RispondiElimina
  18. Adoro i piatti tradizionali e mi piace tantissimo esperimentare quelli delle altre regioni italiane.grazie per questa ricetta e complimenta er come l'hai realizzata bene,devono essere squisiti!!!buona domenica e un grande abbraccio

    RispondiElimina
  19. Che bello sai che non avevo la ricetta dei Cjalsons? A me piacciono molto, quindi la ricettina te la copio. Buon lunedì

    RispondiElimina
  20. Ciao,
    siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
    Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
    Se ti va puoi seguirci.
    A presto!
    Trattoria Trinacria
    http://trattoriatrinacria.blogspot.com

    RispondiElimina
  21. Ciao,
    tra frico, canederli e cjalsons quanti ricordi di Cercivento ( Carnia), manca la polenta.
    Grazie
    Porterò un po’ del tuo Friuli a Napoli
    saluti
    Dalia

    RispondiElimina
  22. @Tutti/e grazie!!!
    @,Dalia, sono tornata da Napoli da poco, è meravigliosa e si mangia altrettanto meravigliosamente. Mi sento onoranata dei tuoi complimenti!!!!

    RispondiElimina
  23. Complimenti cara, sono molto raffinati ed originali!!! ottimi!!! un abbraccio :D

    RispondiElimina
  24. Ciao cara, complimenti queste ricette sono fantastiche!!!
    bello il blog
    un bacio

    RispondiElimina
  25. Non vedo l'ora di provarli .... sono molto curiosa :D

    RispondiElimina
  26. Questi mi mancano! la prossima volta che vado in Friuli li provo ;)
    Mia suocera mi ha appena regalato un bel libro di cucina friulana, che non ho ancora avuto il tempo di guardare, sicuramente ci sarà una versione di questa ricetta :DDDDDD
    ciaooo!

    RispondiElimina
  27. @Tutti/e grazie
    @Milena, non dovevi esserci anche tu?

    RispondiElimina
  28. Sta paicendo molto anche a me quest'evento, sto scoprendo un sacco di varianti tutte ottime di questi ravioli carnici! ben fatti cara Solema! :)
    un bacione

    RispondiElimina

Fa piacere un commento, non necessariamente deve far rima con "complimento". Con mio disappunto, sono stata costretta a mettere la moderazione per intromissioni sgradevoli.