giovedì 31 dicembre 2009

Premi e AUGURI

Approffitto di questo post per augurare a tutti gli amici del web e non:
Un felice Anno Nuovo!
Auguro a tutti un sereno 2010!!!
Mi scuso per il ritardo con cui posto i premi che ho ricevuto tempo fa!! Questo mi è stato donato da Laura del blog "Un mondo di farina" e da Federica del blog "Note di cioccolato" Questo mi è stato donato dalla dolcissima Paola del blog "Terre inesplorate" Grazie ragazze, siete davvero care!!!


domenica 27 dicembre 2009

Salame con aceto e cipolla



Questo è un piatto Friulano antico. Una volta prettamente contadino, ora nei ristoranti chic lo offrono come antipasto. Il salame dev'essere fresco , non deve avere più di 15 giorni, altrimenti cuocendo diventa coriaceo.Solitamente lo preparo come secondo oppure una sola fettina come antipasto.
Ingredienti x 4 persone:
Salame fresco 12 fettine   (massimo 15 giorni)
Cipolle grandi 2
Olio q.b
Aceto di vino bianco ½ bicchiere
Sale
Procedimento:
Tagliare a fette non molto sottili le cipolle, metterle in una larga padella antiaderente e cuocerle coprendole d'acqua. A fine cottura salare (poco, dato che il salame è sapido) e aggiungere 1 cucchiaio d'olio. Tagliare le fette di salame piuttosto grosse, aggiungerle alla cipolla e a fuoco vivace mettere l'aceto, cuocere fino alla quasi completa evaporazione dell'aceto. Servire con fette di polenta gialla. La mia farina di polenta è: "La blave di Mortean". In Italiano: il mais di Mortegliano; è un paese della provincia di Udine (dove c'è il campanile più alto d'Italia).



sabato 19 dicembre 2009

Serata Voiello

Venerdì 11 dicembre, sono stata convocata dalla Voiello a Chioggia, per presentare la mia ricetta: Vermicelli con sarde fresche. La serata si è svolta in modo perfetto. Ho incontrato Daniela e per poco incontravo Annamaria del blog qb. Lo staff della Voiello è stato squisito, tra questi c'era una deliziosa ragazza che avevo adocchiato e scelto come nuora, visto che oltre alla mia amica Solidea mi accompagnava mio figlio. La fanciulla era d'accordo!!!...:-) Passiamo alla serata..... metto il filmato che mi ha mandato gentilmente la Voiello. Informo che per la bruttezza della protagonista, il filmato è raccomandato solo ad un pubblico adulto... ;-))
La ricetta: vermicelli con sarde fresche. Premetto che in questa stagione le sarde hanno un odore e un sapore forte, tanto che avevo consigliato di prendere le alici. Quando abbiamo mangiato la pasta, le sarde sono state buttate e lo staff della Voiello ha fatto il bis del pesto rosso ch'era fra gli ingredienti della ricetta. Ritorniamo alla ricetta....
Ingredienti x 4 persone
320 g di vermicelli Voiello n° 105 12 sarde o alici 12 pomodorini pachino 1 cucchiaio di pesto rosso (che chiamo, forse erroneamente Trapanese) 1 cucchiaio di pane grattugiato Olio extravergine d'oliva 1 bicchiere abbondante di vino bianco
Procedimento
Pulire le alici togliendo loro la testa e la spina, lavarle e richiuderle a libro. In una padella antiaderente e possibilmente capiente da contenere le alici in uno solo strato, mettere un bicchiere di vino bianco, adagiare il pesce, cuocere a fuoco vivace. Quando le alici sono cotte, scolarle e nella stessa padella aggiungere tre cucchiai d'olio e i pomodorini tagliati a metà, farli cuocere velocemente, aggiungere il resto degli ingredienti. Nel frattempo cuocere la pasta in acqua salata, scolarla e farla saltare con il sugo. Aggiungere le alici che nel frattempo avremo tenuto in caldo.
Ingredienti per il pesto: ( non metto le dosi perché faccio a occhio, ne faccio una grossa quantità e poi lo congelo in vasetti monoporzione)
Basilico Mandorle Concentrato di pomodoro
Pomodorini secchi Peperoncino Olio extravergine d'oliva
Metto tutto nel mixer aggiungendo l'olio a filo.
Colgo l'occasione attraverso questo post per augurare a tutti/e voi
Buon Natale!!!


sabato 12 dicembre 2009

Tortini con uvetta, vassoi di dolci parte2°


Continuo con i dolcetti dei vassoi. Questi sono dei tortini buonissimi, una variante delle tartellette con i datteri
Ingredienti x 24 tortini (avevo fretta e la pasta brisè l'ho comperata)
450 g di pasta brisè.
Ripieno:
Burro fuso 80 g
Farina di mandorle 80 g
Zucchero a velo 80 g
2 cucchiai di gocce di cioccolato
2 cucchiai di uvetta
1 mela ( ho usato la golden delicious)
1 cucchiaio di zucchero di canna
1 cucchiaino di cannella

Tagliare a fettine sottili le mele, cospargerle con lo zucchero di canna e la cannella, infornare a 250° per 10 minuti, finchési asciugano. Preparare in una ciotola, una crema fatta con burro, zucchero a velo, l'uovo e la farina di mandorle. Imburrare ed infarinare gli stampini , metterci la pasta ( l'ho stesa sul multistampo, rivestito di carta forno, ho ritagliato dei quadratini di pasta e li ho richiusi a mo' di fagottino) e rivestire il fondo con le fettine di mele, le gocce di cioccolato, un po' di uvetta e coprire il tutto con la crema. Infornare in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti; potrebbe servire meno tempo, ognuno conosce il proprio forno. Lasciare raffreddare, togliere dagli stampini e sistemarli nei pirottini di carta, spolverare di zucchero a velo. Il ripieno si può variare, sono ottimi, si fa sempre un gran figurone..... ;-)


sabato 5 dicembre 2009

Due vassoi di dolci 1°




Questi vassoi di dolcetti, li ho fatti per una mia cara amica, per il suo compleanno. Metto una ricetta per post, non necessariamente una dietro l'altra, non voglio tediare alcuno!! Inizio con i cantucci; questa è un insieme di ricette trovate in giro per il web. Li faccio da anni e riescono sempre bene!! Con queste dosi vengono 3 filoncini.
Ingredienti:
400 gr. di farina
250 gr. di zucchero
200 gr. mandorle non pelate
2 uova
2 tuorli
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale
 scorza di 1 arancia bio 

Procedimento :
 Montate le uova e i tuorli con lo zucchero, finché diventano spumosi e quasi bianchi (da preferire uno sbattitore), a questo punto, aggiungete la farina setacciata con il lievito e continuate la lavorazione a mano, aggiungendo anche la buccia degli agrumi  e il sale.
Quando l'impasto è formato (deve avere la consistenza di una frolla), fate tre filoncini larghi circa 4 cm e alti circa 2. Adagiateli su una teglia ricoperta con carta forno un po' distanziati e cuoceteli in forno statico preriscaldato a 180° per circa 20 minuti (non devono essere molto colorati). Togliete dal forno e tagliate a fettine di circa 2 cm.Rimettere in forno finché sono dorati...
Sul "filo di lana" partecipo alla raccolta di Michela P.S. mi ero scordata di dire che metà del quantitativo di mandorle può essere sostituito con lo stesso quantitativo di gocce di cioccolato!!


giovedì 3 dicembre 2009

Yuppi Yuppi!!

E'arrivata anche la mia scatola di latta. Elena mi ha mandato la scatola dal contenuto originale: 5 graditissime ricette..... :-)) Grazie Elena, il suo blog è molto interessante


domenica 29 novembre 2009

Coupelle di montasio con polenta e funghi


Per problemi di salute, metto, in ritardo e fuori concorso, questo post dedicato ai prodotti D.O.P. La ricetta riguarda un prodotto D.O.P della mia regione ( il Friuli Venezia Giulia): il montasio.
Il montasio prende il nome dal Gruppo Montuoso delle Alpi Giulie, ricco di malghe. La stagionatura del formaggio montasio varia dai 30 giorni ai 18 mesi. In questa ricetta ho usato 2 diverse stagionature: per il cestino quella di 12 mesi e per la fonduta la stagionatura di 30 giorni. Con queste 2 stagionature si può fare anche il "frico" un piatto tipico della cucina friulana e del quale vado ghiotta. Sembrerà una frase forte, ma il formaggio montasio, in estate, ha aiutato il mio matrimonio. Mio marito, grande camminatore (io un meno) essendo lui grande amante della montagna e desideroso della mia compagnia, ha escogitato questo trucco: la meta sempre una malga, un rifugio, un qualsiasi luogo dove io avrei potuto (stanca ma felice) gustare il piatto preferito: il frico appunto!! Come la carota per l'asino!

Questa ricetta sembra complicata, l'unico problema potrebbero essere i cestini, ma non serve avere lo stampino basta mettere la cialdina in una scodellina capovolta. I miei cestini sono grandi da poter essere usati come piatto unico, facendoli più piccini si possono servire come antipasto. Si possono tranquillamente preparare il giorno prima, come anche il resto della preparazione, basta tenerli separati e, al momento di servire, scaldare la polenta nel forno, a temperatura piuttosto alta. La fonduta si fa all'ultimo momento. E ora passo alla ricetta.
Ingredienti per 4 cestini :
200 gr. di montasio stagionato (il mio era di 12 mesi) un foglio di carta di cucina intrisa d'olio
Ingredienti per il ripieno:
150 gr. di farina di polenta (anche precotta) 500 gr. di funghi porcini (questa è un'idea ma potrebbero essere funghi misti, carciofi, piselli) 15 gr. di porcini secchi 1 spicchio d'aglio
Prezzemolo Olio extravergine d'oliva Sale

Ingredienti per la fonduta:
100 g. di montasio fresco (30 giorni) 100 g di panna fresca
Procedimento:
Pulite i funghi; in una padella soffriggete uno spicchio d'aglio con qualche cucchiaiata d'olio, toglietelo e aggiungete i funghi tagliati (anche quelli secchi precedentemente messi a bagno e ben strizzati). Salate e portate a cottura. Preparate la polenta tenendola molto morbida (do per scontato che tutti la sappiano fare). Ungete d'olio uno stampino, e metteteci un cucchiaio di polenta; fate un buco nel centro per metterci i funghi e ricoprite con la polenta.
Grattugiate finemente il montasio, scaldate un padellino da crepes, di circa 20 cm. (per il mio stampino) che è stato unto passandoci dentro la carta da cucina intrisa d'olio, mettete 50 g di formaggio facendo attenzione che non ci siano buchi, girate la cialda e, ancora calda, posizionarla sullo stampino. Togliete la polenta ripiena di funghi dallo stampo, adagiatela dentro il cestino e ricopritela di fonduta, fatta facendo sciogliere il montasio fresco, tagliato a pezzetti piccoli, con la panna. E' un piatto molto sostanzioso per cui potrebbe diventare un'unica portata accompagnata dalla verdura. Per rimanere in Friuli ci abbiniamo un "Friulano ex Tocai"...bon appetit!...;-)


giovedì 26 novembre 2009

Dal nord Italia al nord Africa


Spezzatino "povero"
Una ricetta e molteplici presentazioni. Per questa preparazione uso la guancia, indifferentemente, sia di maiale che di manzo. Devo dire, sinceramente, che preferisco la prima. E' un taglio snobbato, tanto che viene chiamato il quinto quarto, ( frattaglie) e, con i tempi che corrono, bisogna assolutamente privilegiare il rapporto qualità prezzo. Ogni versione ha una piccolissima variante; se voglio fare il goulash aggiungo la paprika piccante , le altre preparazioni sono fatte con la paprika dolce...ma passiamo alla ricetta...;-)



domenica 15 novembre 2009

Zoccoletti


Mi piace tantissimo panificare, e mi piacerebbe cambiare spesso tipo di pane, tanto che finalmente ho trovato il libro delle mitiche Simili, ma non c'è niente da fare, mio marito desidera che faccia sempre questo pane. Ho trovato questa ricetta anni fa girando per il web, non ricordo più quale sito fosse. Per essere sincera è un pane buonissimo, ha la crosta croccante al punto giusto, non molta mollica, ma soffice. Il procedimento è molto veloce e semplice, a impasto diretto.


venerdì 13 novembre 2009

Cotechino in crosta di pizza o pane


Nella penultima panificazione, avevo abbondato la dose degli ingredienti e avendo un cotechino in congelatore, ho pensato bene di adoperare la pasta eccedente in questo modo. Divago un momento: nel mio congelatore si trova di tutto, compero le verdure di stagione, poi le adopero tutto l'anno (ad eccezione di qualcuna). Ma torniamo alla ricetta "non ricetta". Si possono fare delle gustosissime varianti; si possono adoperare diversi tipi di pasta (pasta sfoglia, pasta brisé, da pane. da pizza...etc) e si può, ad esempio, rivestire il cotechino con spinaci lessati e ripassati in padella. 


lunedì 9 novembre 2009

Petto di pollo ripieno di castagne



Queste castagne le abbiamo raccolte in un bosco non molto lontano da dove abito. Dico,  abbiamo, dato che mio marito è stato un valido collaboratore ;-)). Fare questo petto di pollo usando le castagne fresche diventa un lavoraccio, ma ne guadagna il sapore!! Questo discorso ha un perché: si trovano anche le castagne già pronte (le ho viste al supermercato). In Francia le ho trovate addirittura in scatola. Questo, per dire che quando non ho le castagne fresche mi arrangio!!! ;-) Passo alla ricetta.



sabato 7 novembre 2009

La crostata mele e mandorle di Adriano Continisio

Questa è LA TORTA DI MANDORLE E MELE DI ADRIANO riprodotta da me........ P.S. L'ho cotta un pò troppo, ma non come sembra in foto!!! L'abbiamo tagliata stamane ed é buonissima!!!


mercoledì 4 novembre 2009

Crostata con crema di nocciole


Nonostante sia fuori tempo massimo, posto comunque questa ricetta, come modello per altre interpretazioni. Mi spiego: i fantasmini, sono una delle varie possibilità di decorazione!!! Questa torta, l'ho fatta domenica per il compleanno di mio nipote Alessandro!! Siccome era molto grande, ( 40 x 36) il peso degli ingredienti erano quasi moltiplicati rispetto a quelli per una tortiera rotonda di 28 cm.
Ingredienti :


martedì 3 novembre 2009

Premi

Questo è un premio che ho prelevato con molto piacere da Dauly Questo me l'ha donato Marifra con parole a dir poco commoventi!! Grazie di cuore!!


venerdì 30 ottobre 2009

Torta Halloween


Non è una festa che amo, visto che si "festeggia" la vigilia di Ognissanti, per noi cattolici una ricorrenza molto sentita. Ma tant'è...quando ci sono figli piccoli o, come nel mio caso, dei nipoti, si chiude un occhio e si "balla"!!! ;-)) Mi sono messa all'opera, ma non avendo molto tempo a disposizione e volendo una torta non proprio "liscia", ho fatto Questa , che chiamo il "mio cavallo di battaglia" perchè è molto facile e si presta ad essere presentata in varie occasioni.
La decorazione:



mercoledì 28 ottobre 2009

Ricetta "issima""

Funghi grigliati

"Issima" perchè? E' una ricetta velocissima, facilissima e gustosissima!!!! Questi funghi li avevo mangiati in un ristorante, serviti come antipasto, e li ho fatti subito" miei". Li ho serviti anch'io come antipasto, sono stati molto aprezzati!! Non so se posso chiamarla ricetta, ma la descrivo comunque ;-))
Ingredienti:
Funghi coltivati (champignon)
Prezzemolo Sale Peperoncino Aglio ( a piacere) Olio extravergine d'oliva
Esecuzione
Ungere d'olio una larga padella antiaderente, e quando sarà caldissima, sistemare i funghi possibilmente in un unico strato; nel frattempo scaldare una bistecchiera ( tipo griglia, dev'essere caldissima) e quando i funghi saranno quasi cotti passarli sulla griglia. Unica attenzione: girarli spesso!! Intanto, preparare il condimento tritando finemente il prezzemolo, l'aglio e il peperoncino, emulsionando il tutto con abbondante buon olio extravergine, salare ( io me l'ero dimenticato). Sistemare i funghi in un piatto di portata e condirli con l'emulsione.
Un consiglio: acquistano più sapore se fatti il giorno prima! Con questa "ricetta" partecipo alla raccolta di Solidea e Ale


lunedì 26 ottobre 2009

Premio "acchiappato" in corsa

Mi sono approppiata di questo premio "rubandolo" al blog di Armanda Sto passando un periodo che definirei NERO!! Mi scuso con tutti se non sono stata molto presente. Mi rifarò. Se non ho ritirato qualche premio, fatemi sapere che rimedio subito!!


giovedì 22 ottobre 2009

Tortine allo yogurt con lemon curd


Mia sorella Marisa, da Londra, mi ha portato del "lemon curd". Non avendolo mai usato, non sapevo come consumarlo. In un pomeriggio piovoso (quasi londinese...;-)...), con mio nipote, abbiamo pensato di usarlo in modo semplice; dei tortini con l'impasto della torta "sette vasetti". Usiamo il vasetto come misura degli ingredienti.


martedì 13 ottobre 2009

Tortini di pere e cioccolato


Ormai è stranoto che durante il fine settimana (sabato sera o domenica a pranzo) arrivano le mie adorate "cavallette". L'ultima volta, mia figlia Barbara ha portato il dolce (ho già parlato di lei Qui ) La ricetta era su una rivista di ricette regionali. (Friuli). L'abbiamo poi servito in 2 versioni. Personalmente preferisco quella con la crema. Ma passiamo alla ricetta; l'originale prevedeva una torta, mia figlia ha fatto dei tortini.